Per Niky: la serata al Teatro Arbostella

0
76

NIKY  CON ANNA E  ANNA RITAGrande  successo ieri sera  presso il Teatro Arbostella  di Salerno  con  lo spettacolo dedicato al Progetto Eolie e  “Niky : il mare è la  sua casa” .

La  serata è stata organizzata dall’Associazione Laboratorio Teatro Arbostella  e Tutto&Arte con la  compagnia dei giovanissimi “Attori per caso”di Mercatello.

Ospiti  d’eccezione  Niky e il papà Paolo,    qui a Salerno da  alcuni giorni a bordo del Walkyrie  , al Molo Manfredi, per  continuare a  diffondere il progetto di scuola in videoconferenza e un nuovo Progetto, fortemente  voluto da Paola Giacotto , scomparsa recentemente  dopo un  breve periodo  di malattia: Paola , la mamma di Niky , era  fortemente  convinta  che il coinvolgimento dei giovani di quelli  che lei  chiamava i “ragazzi”, rappresentasse uno scopo di vita per  chi  ha  vissuto  difficoltà e  impegno civile. Paola desiderava  far vivere  agli amici di Niky e a i  ragazzi salernitani l’esperienza  del mare, in un posto  come le isole Eolie,  in Sicilia, tra i più suggestivi del mediterraneo.

DSC_0013Grazie a iniziative  come  quella di ieri sera al Teatro Arbostella, gremito di amici e  sostenitori del Niky Project, il Walkyrie  salperà il 22  giugno per le Eolie   con  alcuni studenti  che “gratuitamente” potranno vivere un’esperienza  speciale  con Niky e Paolo.

Gli Attori per Caso,  che si sono esibiti  per il pubblico salernitano  sono stati come sempre  divertentissimi, consapevoli e  partecipi   di un a passione  che li accomuna   ma  che rende il loro “fare teatro” ancor più  elevato  sul piano etico: farlo  per   condividere un progetto e non solo per  ricevere applausi.

 

SALUTO COMPAGNIA (1)Di applausi ieri sera, in una città  svuotata dalle migliaia di ospiti nazionali, dai bersaglieri e dalle loro famiglie  accolte  a Salerno, molti salernitani erano lì  a dimostrare  ancora una  volta  il senso della  comunità vera,  dove i registi Sergio e Carla Galderisi hanno ancora una  volta  dimostrato  professionalità  anche nell’amatorialità teatrale.

Gilda Ricci

LASCIA UN COMMENTO