Le nuove scoperte del dottor Ersilio Trapanese nei campi dell'artrite reumatoide e dell'artrite in psoriasi.

0
96

dr ersilio trapaneseSi è tenuto presso il Centro Polidiagnostico “Check Up” di Salerno, un importante workshop dal titolo “Clinica ed Imaging: psoriasi e dermatologia”, accreditato presso il Ministero della Sanità. A prendervi parte c’erano il dr Dario Donadio, il dr Guglielmo Borsellino e il dr Ersilio Trapanese. Il dr Trapanese ha tenuto un lettura magistrale: “L’Ecografia nella Diagnosi dell’Artrite Psoriasica: Nuovo apporto del Power Doppler e della Ecografia con mezzo di contrasto (CEUS)”. Durante la lettura

Il dr Trapanese ha evidenziato la necessità di avere a disposizione tecniche di imaging sensibili, capaci di valutare il grado .di neo-vascolarizzazione, non visualizzabile attraverso la radiologia convenzionale. A tal proposito, dopo diversi anni di studi, effettuando ecografie in B-Mode – Power Doppler e utilizzando mezzi di contrasto, il dr Trapanese, è riuscito ad identificare un modello di algoritmo sperimentale che lui stesso ha definito “Cascata Energetica di Ultrasuoni” (coperta dal diritto d’autore) – UEW (Ultrasound energetic waterfall). La misurazione del flusso sanguigno della membrana sinoviale, è stata proposta come indicatore per definire l’attività della malattia e la severità della Sinovite. Da studi effettuati su oltre cento articolazioni metacarpofalangee (MCF) e interfalangee (IFP), riguardanti il CEUS e mezzi di contrasto, il dr Trapanese ha scoperto quattro tipologie di pattern di Enhancement ed ha evidenziato come l’analisi dinamica della perfusione in base a questi quattro pattern, caratterizza l’attività sinoviale e quindi diventa un punto cruciale e determinante insieme ai dati clinici per la diagnosi precoce dell’artrite “stadio early”. La dimostrazione degli studi del dr Trapanese, va nella direzione di evidenziare la superiorità della CEUS (mezzo di contrasto) rispetto al PDUS (power doppler) nel discriminare tra RA (artrite reumatoide) fase attiva e non attiva attraverso il rilevamento della vascolarizzazione sinoviale.

LASCIA UN COMMENTO