Le Notti al Castello, 21 e 22 giugno a Cava.

0
50

festacastello_programmaRitorna a Cava de’ Tirreni (Sa) l’apprezzato e consolidato appuntamento con “Le Notti al Castello”, evento storico-artistico, culturale e gastronomico in programma sabato 21 e domenica 22 giugno 2014 presso il Castello di Sant’Adjutore, con inizio alle ore 21.00 in entrambe le serate. Ideata e curata da Geltrude Barba ed organizzata dall’Ente Montecastello, la kermesse rientra nell’ambito dei “Festeggiamenti in onore del SS. Sacramento”, che si svolgeranno nella città metelliana da giovedì 26 a sabato 28 giugno.

L’iniziativa è stata presentata mercoledì 18 giugno, al Palazzo di Città di Cava de’ Tirreni. Sono intervenuti: il Sindaco Marco Galdi; l’Assessore al Turismo, Marco Senatore; il Direttore dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo metelliana, Mario Galdi; la Direttrice artistica della kermesse, Geltrude Barba; il Tesoriere dell’Ente Montecastello, Francesco Loffredo.

«“Le Notti al Castello” rappresentano ormai un appuntamento fisso dell’estate cavese e non solo – ha affermato il Sindaco Galdi – Si tratta di un evento importantissimo, che fa riscoprire il Castello di Sant’Adjutore, antica fortezza della nostra città». «Il segreto del successo della manifestazione – ha aggiunto l’Assessore Senatore – sta nella sua continuità nel tempo e nella qualità che da sempre la caratterizza. Una qualità che, grazie al numero sempre crescente di visitatori richiamati, porta economia e benessere alla nostra città, esportando il suo nome al di là dei confini provinciali».

Importanti conferme e prestigiose novità caratterizzeranno la V edizione de “Le Notti al Castello”, che faranno vivere un importante viaggio alla riscoperta dell’arte teatrale e del gusto grazie al vincente connubio tra la “Via dell’Arte” e la “Via del Palato”. Tema dell’edizione 2014 sarà “Adda passà a’ nuttata” – Ricordando Eduardo De Filippo, con Compagnie teatrali ed attori provenienti da tutta la Campania che metteranno in scena una serie di opere teatrali liberamente tratte da alcune delle più rinomate commedie dell’indimenticabile artista partenopeo, nel trentennale della sua scomparsa.

Coordinata dalla Direttrice artistica Geltrude Barba, la “Via dell’Arte” sarà aperta dalla “Castellana” Carmela Novaldi, che, con l’ausilio dei “Giullari del Castello” (Alessandro Tedesco e Simona Fredella, i quali si alterneranno nel ruolo di “Giangiolto”, giullare/guida che accompagna il pubblico per le varie tappe del percorso), farà addentrare i visitatori nell’“intreccio” di recitazioni, danze e canti ispirati alle commedie del grande Eduardo.

Ad inaugurare il cammino artistico saranno “I Pappici” (Manuela Vicinanza, Luigi Tarabbo ed Umberto Marino, con la regia di Rosita Sabetta), che metteranno in scena “Pericolosamente”, atto unico di Eduardo De Filippo. Rodolfo Fornario ed Antonella Quaranta della Compagnia “Arcoscenico” eseguiranno, invece, due monologhi tratti da “Le voci di dentro”, ed in particolare quello della cameriera e quello del portiere. A seguire, i visitatori si imbatteranno nella rappresentazione “Sic sic – L’artefice magico”, interpretata da Diego Sommaripa (con l’ausilio di Davide Magliuolo e Francesca Bergamo). Sarà poi la volta di “Natale in casa Cupiello”, messo in scena dalla Compagnia “‘E Viente ‘e terra” (Luigi Sica, Andrea Tabacco, Antonio Lucibello e Maria Marino, con la regia di Mari Fasano).

L’arrivo al Belvedere del Castello di Sant’Adjutore sarà preceduto dall’artista cavese Pietro Paolo Parisi, che reciterà “La poesia di Eduardo”. Il gran finale toccherà alla Compagnia “Fuori Tempo” (Geltrude Barba, Carolina Damiani, Sabatino Apicella, Antonio Coppola ed Ivano Attanasio nelle vesti di cantante, con la regia di Antonello De Rosa), che proporrà “Voci Eduardiane”, con l’accompagnamento musicale di Igor Caiazza, primo percussionista del Teatro alla Scala di Milano, che ha lavorato nella sua carriera con importanti Maestri, tra cui Riccardo Muti.

Non meno stuzzicante si preannuncia la “Via del Palato”. Durante le serate in cartellone, oltre all’offerta culinaria delle “antiche tradizioni” preparata dalle aziende Tutti i Sapori, La Boulangerie e Pancrazio, i visitatori potranno gustare vini campani dell’area flegrea dell’azienda Cantine Astroni, vini pugliesi a marchio Corte dei Frati de Le Vigne di Sammarco, limoncello e fragolino dell’azienda Liquori Desirè, il nocino di Maurizio Russo ed il caffè di Cafè Sombrero. Non mancherà naturalmente l’acqua, che sarà offerta da Fabbrocino Michele.

Ma le sorprese non finiscono qua. Spettacolo nello spettacolo, l’esibizione live di alcuni barman freestyle, che sul Castello daranno vita ad uno show con i cocktail. Solo nella serata di domenica 22 giugno (ore 21.00) sarà, inoltre, presentato il libro “Le opere di Eduardo De Filippo sul palcoscenico greco” di Georgios Katsantonis, estratto dalla sua tesi in Letteratura Teatrale Italiana presso l’Università Federico II di Napoli. Il volume prende in esame ed approfondisce le messe in scena delle commedie di Eduardo De Filippo rappresentate al Teatro d’Arte di Karlos Koun, al Teatro Nazionale Greco ed al Teatro Nazionale della Grecia del Nord.

LASCIA UN COMMENTO