Leggere l’arte contemporanea, Ada Patrizia Fiorillo al Circolo Canottieri venerdì 16.

0
185

Venerdì 16 febbraio alle ore 18,00 presso la sede del Circolo Cannottieri Irno di Salerno, si terrà la conferenza di Ada Patrizia Fiorillo dal titolo “Leggere l’arte contemporanea. Sfatare luoghi comuni, preconcetti, falsi miti”. L’iniziativa, promossa dal club Inner Wheel di Salerno in collaborazione con l’Associazione Parco Storico Sichelgaita di Salerno presieduta da Clotilde Baccari Cioffi, si inscrive nel ciclo di manifestazioni del programma annuale che l’Inner Wheel dedica alla cultura. «È un appuntamento – sottolinea la presidente del club salernitano Marisa Fiorillo Della Monica – che sollecita non pochi spunti di curiosità e di riflessioni, allorché l’arte contemporanea è ricorsa a linguaggi nuovi e cifre non sempre di facile decodificazione». Il contributo di Ada Patrizia Fiorillo si soffermerà sulle trasformazioni del linguaggio artistico maturate in seno al Novecento, radicalizzatesi con l’affermarsi della società postmoderna. A far da filo conduttore riflessioni sul sistema produttivo dell’arte e la sua destabilizzazione, determinatesi dall’avvio della Pop Art che, al sorgere degli anni Sessanta, assottiglia la distanza tra arte e società. Da tale momento gli equilibri sui quali si reggeva la prassi dell’arte si sono in qualche modo complicati e la tessitura delle sue trame si è allargata verso quel sistema dell’arte che, composto di tante figure – il gallerista, il critico, il mecenate, il collezionista, il direttore di museo o di case d’asta e il curator – rende altrettanto complessa la sua permeabilità.

Ada Patrizia Fiorillo è professore associato di Storia dell’Arte Contemporanea e Fenomenologia dell’arte contemporanea presso l’Università degli Studi di Ferrara. Storico e critico d’arte, è iscritta, come pubblicista, dal 1990, all’Ordine della Stampa. Dirige gli Annali-online di Lettere dell’Ateneo per i quali è responsabile della sezione “Arte”. Per l’Università di Ferrara ha curato il convegno di studi “Lo stato dell’arte tra formazione e comunicazione. Volti, scenari, orizzonti della contemporaneità” (Aracne, Roma, 2012). Tra le sue pubblicazioni: “Cava e la sua Abbazia nei ‘paesaggi’ della cultura europea”, (Gaia Editrice, 2011); “Ferrara nei venti della modernità. I primi decenni del XX secolo”, (Annali dell’Università di Ferrara, 2012); “L’occhio delle Avanguardie. De Chirico e il mito degli Argonauti”, in F. Cappelletti, A. C. Baiardi, W. Curzi, C. Prete (a cura di), “Le Due Muse. Scritti d’arte, letteratura e collezionismo in onore di Ranieri Varese”, (Il Lavoro Editoriale, Ancona, 2012); “Hiroyuki Masuyama. Cava de’ Tirreni 1792-2012”, (Pièce Unique, Parigi, 2013); “La Scultura dopo il Duemila. Idolatria ed iconoclastia”, (Gutenberg, Fisciano, 2015); “De Pisis, segni e colori sulla superficie della realtà”, in L. Bonazzi, P. Roncarati (a cura di), “Strappati dalla terra e ridonati al sole. Le ceramiche graffite e le pagine di erbario del giovane Filippo de Pisis”, (FerraraArte, Ferrara, 2016); “Arte contemporanea a Ferrara. Dalle neoavanguardie agli esiti del postmoderno”, (Mimesis, Milano, 2017); “Il corpo della forma. Aspetti della scultura del XX secolo”, (Liguori, Napoli – in corso di stampa).

 

LASCIA UN COMMENTO