L’associazione Chiara Paradiso Onlus sostiene una borsa di studio per un dottorato di ricerca sul Sarcoma di Ewing con i fondi del 5 per mille.

0
65

10433094_1558620917732117_4029286562766351252_nL’associazione Chiara Paradiso Onlus sostiene una borsa di studio per un dottorato di ricerca sul Sarcoma di Ewing con i fondi del 5 per mille Domenica 6 marzo 2016 presso la Chiesa Valdese, in piazza Cavour 32, a Roma sarà presentato il progetto di finanziamento per un dottorato di ricerca in oncologia, ematologia e patologia presso il Dipartimento di Medicina specialistica Diagnostica e sperimentale (DIMES) dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna.

A sostenere la borsa di studio destinata ad un dottorato di ricerca sul Sarcoma di Ewing e sull’osteosarcoma quattro organizzazioni memoriali non profit: l’Associazione Mario Campanacci, l’Associazione Liberi di vivere Luca Righi, l’Associazione Il Pensatore: Matteo Amitrano onlus e l’Associazione Chiara Paradiso La Forza dell’Amore Onlus di Bellizzi.

Alla presentazione della borsa di studio per un totale di € 55.200,00 parteciperanno i presidenti delle associazioni in rete e la ricercatrice Katia Scottlandi, referente del gruppo di lavoro. La borsa di studio è diretta allo studio dei tumori ossei con particolare riferimento al Sarcoma di Ewing e all’Osteosarcoma. Il progetto di ricerca, con durata triennale, sarà svolto dell’Istituto Ortopedico “Rizzoli”.

Cinque mila euro la somma destinata dall’associazione Chiara Paradiso al dottorato di ricerca, frutto della raccolta del 5 per mille. La ricerca prevede un importante progetto di ricerca contro il Sarcoma di Ewing, tumore curato con un protocollo chirurgico e chemioterapico che permette una buona percentuale di successo, grazie ai progressi della ricerca.

In questi anni, l’Associazione è stata protagonista di diversi progetti a sostegno alla ricerca, condotti nel laboratorio biomolecolare dell’Istituto Rizzoli di Bologna. – commenta Angela Mazzariello presidente di Chiara Paradiso- Questa volta in rete con altre tre associazioni abbiamo deciso di sostenere, con le somme del 5 per mille, un progetto importante per migliorare le cure di queste malattie.

LASCIA UN COMMENTO