La Costiera Amalfitana protagonista di Geo su Rai 3 venerdì 26.

0
436

A Geo, trasmissione storica di Rai 3, non si vedrà la “solita” Costiera amalfitana. Venerdì 26 gennaio, a partire dalle ore 17, protagonisti saranno i sentieri dell’entroterra meno conosciuti e portati alla luce grazie all’iniziativa di “Passeggi segreti, e alcuni terrazzamenti recuperati dopo anni di abbandono, con la ricca biodiversità che li caratterizza.

In studio con Sveva Sagramola ci sarà Gioacchino Di Martino, vice presidente del Centro di Cultura e Storia Amalfitana e Maria Rosaria Sannino, giornalista e presidente del Club per l’Unesco di Amalfi; il naturalista conduttore Emanuele Biggi intervisterà Rosa Pepe, agronoma del Crea Of Pontecagnano che segue dall’inizio il recupero del pomodoro ritrovato della Costiera amalfitana, il Re Fiascone, e che porrà l’accento sulle produzioni che si incontrano lungo i sentieri immersi tra limoneti e vigneti centenari che vedono una diffusa presenza di erbe spontanee.

Sarà infatti la ruralità, con la bellezza dell’area interna della costa – quella più dimenticata, ma non meno interessante – l’aspetto predominante della puntata.

Tre i sentieri che saranno evidenziati: il Cammino delle Viti (a Tramonti), il Sentiero dei Limoni (da Maiori a Minori) e la Via degli Eremiti (da Erchie a Maiori). Percorsi inseriti nel programma “Passeggi segreti”, escursioni promosse da anni da Gioacchino Di Martino, che sono rivolte prima di tutto agli stessi residenti perché “la conoscenza del territorio – come afferma Di Martino – costituisce il presupposto indispensabile per l’acquisizione di comportamenti più consapevoli da parte della collettività”.

E poi ci saranno i sapori e i profumi dei prodotti tipici di questa terra, con alcune ricette dello chef Giuseppe Francese del ristorante Antichi Sapori di Tramonti che in studio cucinerà anche un primo piatto con il sugo del pomodoro antico Re Fiascone.

Si parlerà così anche del suo recupero grazie al lavoro dell’associazione Acarbio che ha consentito di riportare in produzione questo antico ortaggio che risale al 1878 grazie ad alcuni “contadini custodi”; del ruolo scientifico del Crea Of di Pontecagnano che sta accompagnando e seguendo la produzione, e del lavoro “tecnico” del Comitato dei Distretti Rurali.

E ciò che invece un sentiero può “regalare” in biodiversità e bellezza, sarà fatto vedere attraverso un video girato lungo il percorso che conduce sui terrazzamenti di Turina, ad Erchie: quasi mezz’ora di cammino, lasciando la strada statale.

A portare qui i telespettatori sarà Francesco Petretti, biologo e naturalista prestato dal mondo della scienza a quello della comunicazione. Con la regia di Francesca Catarci, si vedrà il lavoro fatto di Gianpietro e Senem che hanno recuperato un’intera area abbandonata da 20 anni. Oggi è coltivata e restituita a nuova vita grazie alla loro caparbietà. E qui sarà rimesso in coltura anche il pomodoro Re Fiascone, che già dallo scorso anno ha dato prova di resistenza alla siccità, in un luogo non certo semplice anche solo ad arrivarci. Questa è la vera “agricoltura eroica” che richiede sacrifici, passione e amore per una terra che non è solo una bella “cartolina”.

Tutto questo si potrà vedere nella puntata di Geo, che da sempre racconta di natura e luoghi che anche grazie alle loro storie meritano di essere conosciuti.

 

LASCIA UN COMMENTO