In principio era il nulla… poi qualcosa andò storto, domenica 10 al Centro Sociale di Battipaglia.

0
100

5120161875192Domenica 10 gennaio, alle ore 19, presso il Centro Sociale di Battipaglia, la Cooperativa Sociale Voloalto presenta “La pazza idea” nello spettacolo teatrale “In principio era il nulla… poi qualcosa andò storto”.

“La Pazza Idea – spiega Maria Carmela Morra, presidente di Voloalto – è un laboratorio multidisciplinare in campo teatrale per e con utenti psichiatrici, il cui obiettivo è dare vita a un percorso stabile che coniughi riabilitazione e formazione (sia tecnica che artistica) per la realizzazione e l’organizzazione di un evento.

Il laboratorio, condotto da esperti del settore e da operatori (psicologo, educatore), oltre al reinserimento sociale, ha come ulteriore obiettivo quello di favorire l’inserimento lavorativo dei ragazzi svantaggiati, dando loro, con una formazione continua e sempre più specifica, competenze spendibili nel mondo del lavoro e, nello specifico, del teatro e dello spettacolo in genere”.

Il contributo per la partecipazione alla rappresentazione andrà proprio a sostegno de “La Pazza Idea” per i ragazzi con disagio psichico. Il laboratorio, difatti, non gode, allo stato, di alcun finanziamento. La sua realizzazione, con eventi territoriali, è stata possibile grazie all’affettuosa partecipazione di privati e aziende del territorio.

“In principio era il nulla… poi qualcosa andò storto” è una commedia in due atti, per la regia di Bruno Di Donato, attore e regista di Eboli, frutto di una sceneggiatura originale, liberamente ispirata al libro “Aldiquà” di Cosimo Raviello, giovane scrittore di Bellizzi.

La scenografia è di Enzo Greco, trucco e parrucco di Lucia Lanzara e Sara Rocco.

Si tratta di una messa in scena comica e frizzante, che affronta, con la dovuta leggerezza, problematiche di attualità sociale come l’immigrazione, l’emarginazione, la crisi economica e l’amara sterilità dei sentimenti che troppo spesso invade la quotidianità.
Una commedia dal finale a sorpresa che aprirà nel pubblico un importate spunto di riflessione.

L’evento è patrocinato dal Dipartimento di Salute Mentale dell’Asl di Salerno, dai comuni di Battipaglia, Bellizzi, Eboli e Pontecagnano Faiano e dal Distretto Turistico Sele Picentini Selecost.

La Cooperativa Sociale Voloalto, sin dalla sua nascita nel 2003, opera nel campo del disagio attraverso una formula innovativa, coniugando arte e riabilitazione perché, attraverso l’arte, ogni singolo individuo può manifestare tutte le sue reali capacità (sensoriali, motorie, affettive, sociali e creative), sviluppare abilità differenti e prenderne coscienza.

LASCIA UN COMMENTO