Il nuovo sistema tariffario del Trasporto Pubblico Locale campano e il nuovo ticket elettronico.

0
34

Venerdì 4 aprile 2014, dalle ore 9,30 alle 13,30 presso l’Auditorium dell’Isola C3 , Centro Direzionale – Napoli, si è tenuto  il convegno: “Il nuovo sistema tariffario del TPL campano e il nuovo ticket elettronico” organizzato dall’Assessorato ai Trasporti della Regione Campania in collaborazione con l’Agenzia Campana per la Mobilità Sostenibile (ACAM).

Il convegno mira a presentare le attività di studio e progettazione che hanno condotto alla definizione del nuovo sistema tariffario per il TPL che la Campania adotterà nei prossimi mesi, nonché alla presentazione del nuovo sistema di bigliettazione elettronica, integrato nel più ampio progetto dell’ITSC (Intelligent Transport System della Campania). Il convegno è anche l’occasione per fare il punto sulle evoluzioni normative e tecniche che riguardano il settore degli ITS sia a livello regionale che nazionale e comunitario.

Infine, non meno importante sarà il confronto con i diversi operatori del settore e con le associazioni di utenti per valutare gli impatti e le prospettive che il nuovo sistema tariffario e il nuovo ticket elettronico produrranno in Campania.

La Regione Campania è stata una delle prime realtà territoriali a puntare sulla integrazione tariffaria come nuova frontiera del Trasporto Pubblico Locale.

Il sistema del trasporto regionale è stato sviluppato negli anni secondo la logica della integrazione fra le reti di trasporto locali e le reti nazionali, e fra i diversi modi di trasporto, oltre che improntato alla riduzione dell’impatto ambientale ed alla riduzione dei tempi di viaggio.

L’integrazione tariffaria da circa dieci anni consente al cittadino campano di viaggiare con un unico biglietto, su tutta la rete su ferro e su buona parte della rete su gomma, secondo i propri bisogni e necessità, con grande accessibilità al sistema, acquistando mobilità sul territorio e non sulle singole aziende.

Nell’attuale contesto sociale ed economico, tuttavia, si rende indispensabile una revisione del sistema tariffario vigente, revisione peraltro già annunciata dalla Delibera di Giunta n. 88 del 26/03/2013, per fronteggiare le diverse criticità dell’attuale sistema (riduzione progressiva degli introiti, alta evasione, eccessiva rigidità del sistema) e, al tempo stesso, garantire una maggiore flessibilità e varietà di offerta per gli utenti.

Se da una parte, infatti, il nuovo sistema tariffario garantirà l’estensione dell’integrazione a TUTTE le aziende su gomma e anche alle compagnie di trasporto via mare, d’altro canto al cittadino non interessato dalle opportunità dell’integrazione sarà offerta la possibilità di titoli di viaggio aziendali, a prezzo ridotto.

Peraltro, il ritorno ai titoli aziendali provocherà, è questo più che un auspicio, un effetto positivo anche sulla lotta al fenomeno dell’evasione, giunto ormai a livelli non più accettabili per i cittadini onesti che continuano a pagare il biglietto. Il convegno, dunque, sarà l’occasione per illustrare agli addetti ai lavori, e soprattutto ai cittadini utenti del TPL, il nuovo sistema tariffario che si presenta più completo e, al tempo stesso, più conveniente.

La politica tariffaria della Regione sarà sempre più improntata a favorire l’uso sistematico del trasporto pubblico, con tariffe particolarmente convenienti per chi decidesse di acquistare un abbonamento, sia esso mensile o annuale.

Durante il convegno è stato anche presentato il nuovo ticket elettronico che costituirà il primo passo verso la completa informatizzazione dei processi di vendita dei titoli di viaggio. Il cittadino potrà, infatti, acquistare i biglietti, oltre che presso le biglietterie o i classici canali di vendita, anche via internet o tramite smartphone. Mediante questa nuova tecnologia, al cittadino campano sarà possibile anche acquistare altri servizi connessi con il trasporto, quali parcheggi, taxi, ecc. Ma l’introduzione massiva del ticket elettronico porterà anche ulteriori benefici, primo fra tutti la possibilità di conoscere sempre meglio la reale domanda di trasporto sulle singole linee, in modo da migliorare continuamente il servizio offerto.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO