Gli amici dell'Irno impegnati a salvare i pesci.

0
51

A causa delle piogge delle ultime settimane, la briglia artificiale che dà origine al laghetto superiore del Parco Urbano dell’Irno, è definitivamente crollata, facendo abbassare drasticamente il livello dell’acqua.

La fauna ittica presente nel bacino, rappresentata soprattutto da ciprinidi (carpe e carassi) si è concentrata nelle poche pozze rimaste, condannata a morte certa per carenza di ossigeno.

Sabato scorso i volontari dell’associazione Amici della Valle dell’Irno, che da anni collaborano con il Parco dell’Irno per la tutela, salvaguardia e riqualificazione dell’area protetta, hanno condotto una vera e propria operazione di salvataggio, catturando con tecniche professionali di campionamento, migliaia di esemplari di fauna ittica, e trasportandoli successivamente nel lago inferiore, l’unico ancora esistente tra i cinque che abbellivano il parco fino a pochi anni fa.

“Ancora una volta i volontari devono sostituirsi alle istituzioni, pur di mantenere in vita un luogo fantastico come il Parco urbano dell’Irno e non lasciare che questo sia preda del degrado e della desolazione” – ha dichiarato il dott. Alberto Gentile, pres. dell’associazione Amici della Valle dell’Irno – “adesso l’impegno di tutti sarà quello di porre all’attenzione delle istituzioni competenti, in primis alla regione, l’urgente necessità di destinare risorse utili a ripristinare le briglie e i laghetti preesistenti, in modo da garantire funzionalità fluviale all’intero ecosistema e limitare il rischio idrogeologico, anche in virtù degli eventi disastrosi che si sono verificati nelle ultime settimane”.

LASCIA UN COMMENTO