Esercitazione internazionale TWIST a Minori città del Gusto

0
57

foto io non rischiodal Sindaco di Minori Andrea Reale riceviamo e pubblichiamo

Rischio maremoto esercitazione nell’istituto delle scuole elementari e medie di Minori

Salvaguardare il patrimonio culturale in caso di calamità naturali: l’esempio della Villa Marittima Romana di Minori del I sec. d.c.

 Il 24 e il 26 ottobre la Protezione Civile Nazionale nell’ambito del Progetto TWIST coinvolge il ns. Comune in due esercitazioni: lo scenario del 24 di ottobre è dedicato all’Istituto Comprensivo Minori-Maiori dove protagonisti saranno i 183 alunni coinvolti dai volontari della Protezione Civile e dal corpo nazionale di Protezione Civile in un’attività inerente il rischio maremoto. Svolgeranno una prova pratica per mettersi in sicurezza ed assisteranno ad una mini conferenza tenuta da esperti della materia; il 26 ottobre sarà dedicato alla salvaguardia del patrimonio culturale con un’esercitazione alla Villa Marittima Romana del I secolo d. C. con l’intervento di tutte le squadre di emergenza che dovranno simulare la messa in sicurezza della villa e salvare dall’evento calamitoso i reperti archeologici di valore.

Alleghiamo di seguito il programma,invitando gli alunni delle scuole di Minori,ad essere attenti a tutte le spiegazioni che gli verranno impartite dai corpi speciali di protezione civile e di partecipare alle esercitazioni pratiche con impegno e dedizione.

Un invito a tutti i cittadini per il giorno 26 di ottobre quando sarà protagonista di uno scenario di messa in sicurezza la nostra Villa Marittima Romana.

Ringrazio vivamente i funzionari della protezione civile nazionale, la Regione Campania, la prefettura, la comunità montana, i volontari di protezione civile, la capitaneria di porto di Salerno, i vigili del fuoco, i carabinieri e i funzionari del MIBAC che danno l’opportunità a Minori, non solo di essere protagonista di due simulazioni di rischio maremoto, ma di aver sensibilizzato in queste settimane i cittadini di tutti i paesi coinvolti in queste operazioni ad essere TUTTI SOGGETTI ATTIVI DI PROTEZIONE CIVILE.

La sicurezza non può essere solo delegata agli enti pubblici, che la devono organizzare e coordinare e che hanno l’obbligo di sensibilizzare tutti i cittadini specialmente in una terra d’eccellenza come la nostra che è afflitta da problemi idrogeologici costanti e in molti casi irrisolvibili.

Essere pronti e preparati e fare seria prevenzione, per diminuire i rischi in caso di calamità naturali è un dovere sacrosanto di ogni cittadino.

Nel ringraziare quanti hanno collaborato alla riuscita di questo evento sollecito vivamente la Regione Campania affinché si affretti a proporre alle amministrazioni comunali i bandi di sostegno per i piani di protezione civile che autonomamente i singoli comuni non possono assolutamente approntare per le esigue risorse economiche.

Le amministrazioni comunali della Costa D’Amalfi hanno bisogno di seri piani intercomunali di protezione civile e di un’adeguata animazione rivolta ai cittadini.

Nel caso specifico, il Comune di Minori ha già unito il servizio di protezione civile con i comuni di Maiori, Tramonti, Ravello e Cetara allo scopo di rendere più efficiente e funzionale un’attività di salvaguardia fondamentale per la sicurezza dei nostri territori e la vita dei nostri cittadini.

 

Il Sindaco

Andrea Reale

Di seguito il programma:

SABATO 19-DOMENICA 20 OTTOBRE:

Presso il Lungomare di Minori si svolgerà la Campagna di sensibilizzazione sul rischio “maremoto Io non rischio”.

La campagna, che si svolge nei quattro fine settimana di ottobre in 28 comuni costieri del salernitano, ha come obiettivo comunicare il rischio maremoto, un evento meno frequente rispetto ai terremoti che può però interessare gran parte delle nostre coste. Ogni weekend di ottobre i volontari saranno in piazza contemporaneamente in diversi comuni per incontrare la cittadinanza e distribuire materiale informativo.

A Minori la campagna si svolgerà in entrambe le giornate dalle ore 9.00 alle ore 19.00 circa, ad opera dell’organizzazione di Volontariato Millennium Amalfi.

 

giovedì 24 ottobre

Gli alunni dell’Istituto Comprensivo Maiori-Minori, in totale 183, saranno coinvolti in un’attività esercitativa inerente il rischio maremoto. L’attività consiste nell’ipotizzare l’arrivo di un’onda di maremoto e nel far salire tutti gli alunni presenti nell’istituto al secondo livello dell’edificio, al fine di mettersi in sicurezza.

Di seguito, gli alunni delle scuole secondarie inferiori (1a-2a-3a media), in tutto 68, saranno accompagnati presso la Sala Consiliare del Comune di Minori, dove si svolgerà un incontro informativo tenuto dal Sindaco, dal volontariato già impiegato nella campagna “maremoto io non rischio” e dal DPC in merito ai temi della protezione civile, dell’esercitazione TWIST e dello scenario beni culturali che si svolgerà presso la Villa Romana di Minori il sabato successivo (26 ottobre).

ore 11.15 prova di emergenza della scuola (gli alunni del plesso primaria-secondaria saliranno al II° livello dell’edificio, 183 alunni in tutto).

ore 12.00 trasferimento alunni scuola secondaria IC Maiori-Minori (68 alunni + alcuni insegnanti) presso la sala Consiliare del Comune.

ore 12.15 incontro tra alunni, Sindaco, volontariato e Dpc

ore 13.15 rientro alunni nell’Istituto

 

sabato 26 ottobre

Svolgimento scenario esercitativo beni culturali: la simulazione prevede che, a causa del maremoto, si verifichino danni alla Villa Romana di Minori. Al fine di salvaguardare il patrimonio culturale, interverranno delle squadre miste, composte da funzionari del MIBACT, Vigili del fuoco e Carabinieri, che procederanno alla messa in sicurezza di parte della struttura e delle opere contenute al su interno.

ore 8.30 scarico materiale Vigili del fuoco presso la Villa Romana di Minori

ore 9.30 arrivo delle squadre miste beni culturali e briefing iniziale

ore 10.00 inizio attività

ore 11.00 – 13.00 arrivo e visione delle attività da parte degli alunni scuola secondaria I.C. Maiori-Minori (circa 68 alunni + accompagnatori) presso la Villa

ore 17.00 conclusione attività e debriefing sul posto.

Nell’arco della giornata è prevista inoltre la visita allo scenario da parte di una delegazione di osservatori nazionali/internazionali.

LASCIA UN COMMENTO