Emozione Inca, il libro fotografico di Pasquale Esposito alla libreria Imagine's book di Salerno.

0
61

Venerdì 9 maggio alla libreria Imagine’s Book al corso Garibaldi di Salerno si presenta il volume di immagini e racconti Emozione Inca (grauseditore) realizzato da Pasquale Esposito dopo un viaggio in Perù. Interviene il giornalista Nicolò Farina

Fotografo per amore, viaggiatore per passione. Pasquale Esposito con Emozione Inca (grauseditore) ci porta in Perù con le sue fotografie, il suo racconto di un viaggio che è anche una scoperta di un mondo da conoscere, da sperimentare, da vivere.

In cento scatti Esposito, ingegnere con qualcosa in più di una passione per la fotografia, ha provato a raccontare il suo viaggio in Perù.Un viaggio che va al centro di un’esperienza umana molto forte, raccontata da Esposito, attraverso lo strumento delle immagini. Le facce dei bambini peruviani somigliano a quelle degli scugnizzi. Molte volte sono vite ai margini di tutto. Ma quelli, Esposito, non li ha voluti far emergere. E’ un atto di rispetto verso la loro condizione. Ti sorprendono due occhioni neri che ti scrutano. Ti affacci e guardi l’immensa tecnica degli Inca.

Da qualche parte, si osserva sempre una nota di benevolenza. Quelle fotografie, quei cento scatti sono in grado di raccontare davvero un popolo. Talvolta la sua sofferenza. Però negli scatti di Esposito c’è sempre il racconto della verità di un popolo. Emozione Inca (grauseditore) è un caleidoscopio di suggestioni. La magia della cultura Inca, i sorrisi di alcuni bambini che vivono condizioni di disagio, il contrasto tra i colori e il paesaggio. Un mondo più etico è possibile e il libro di Pasquale Esposito ne è la riprova. E anche uno spunto di riflessione. In ognuno di noi c’è un viaggiatore, messaggero, così come Hermes, della voglia di conoscere, scoprire e condividere nuove cose e nuove esperienze. Ma per scoprire e conoscere non c’è necessariamente bisogno di prendere un aereo, basta prendere un libro, sfogliarne le pagine e ritrovarsi in America Latina, nel “magico” mondo degli Inca.

Pasquale Esposito nasce a Cava de’ Tirreni. Sin da ragazzo inizia a fotografare, ma si fa strada in lui anche l’interesse per i viaggi. A 18 anni il primo viaggio oltre confine, in Jugoslavia.
La voglia di conoscere il mondo e culture diverse si fa sempre più forte in lui contemporaneamente all’esigenza di fotografare tutto ciò da cui viene colpito ed emozionato.

Si laurea in ingegneria meccanica all’Università Federico II di Napoli ed inizia a lavorare per l’industria aeronautica italiana, che gli consente anche di viaggiare .
A gennaio 2009, la sua compagna Miryam organizza una mostra fotografica a sorpresa, con le sue foto più significative, dal titolo Un balcone sul mondo, che sarà l’inizio di una serie di esposizioni.

“In ognuno di noi – si legge nella presentazione – c’è un viaggiatore, messaggero, così come Hermes, della voglia di conoscere, scoprire e condividere nuove cose e nuove esperienze. Ma per scoprire e conoscere non c’è necessariamente bisogno di prendere un aereo, basta prendere un libro, sfogliarne le pagine e ritrovarsi in America Latina, nel ‘magico’ mondo degli Inca”.

Pasquale Esposito è appena tornato da un altro paese affascinante: il Kenya.

 

LASCIA UN COMMENTO