DegustArte, arte, cultura, gastronomia e birra artigianale domenica 7 a Tramonti.

0
139

Si alza il sipario su DegustArte, novità assoluta in Costiera Amalfitana, il primo evento a carattere gastronomico in cui arte e cultura si mescolano.

L’evento è a cura della Trattoria San Francisco, gestita dai due patron e chef Pamela Viggiano e Francesco Maiorano, presenti sul territorio anche come produttori della rinomata Birra artigianale “Tramonti” alle castagne e al farro.

Nell’accogliente location la serata prevede assaggi gastronomici in cui gli ingredienti sono tutti a Km0, stagionali e completamente biologici, provenienti dalle aziende tramontine. Il menù monotematico a base di zucca, ortaggio autunnale, è ricco e assortito: vi sono ben 5 antipasti racchiusi sotto il nome di “Rinascimento”, poiché parecchie ricette rivisitate sono di derivazione rinascimentale e seicentesca, in particolare la “zucchetta fritta con salsa di pane”, tratta dall’opera dell’umanista Bartolomeo Sacchi detto Platina, il “De honesta voluptate et valetudine” del 1474.

Il menù prevede ben due primi, denominati “Profumi d’autunno”, un secondo con contorno “Sapori di bosco” e un dolce firmato da SalDeRiso sempre a base di zucca, creato appositamente per l’evento, che prende il nome di “Dolci Emozioni”.

Ogni piatto è accompagnato da birre artigianali campane tra cui: SAISON del Birrificio dell’Aspide (Roccadaspide – SA) sugli antipasti, 13 al farro di Birra Tramonti sui primi, Birra Tramonti alle castagne per il secondo e infine ASTRUM del Birrificio Sorrento (Sorrento – NA) sul dolce.

La cena è inoltre arricchita dagli interventi di Alfonso Del Forno, che andranno ad approfondire l’ampio panorama e la storia delle birre artigianali italiane e campane, e da quelli della storica dell’arte Annamaria Parlato, che attraverso la ricerca delle fonti iconografiche presenterà una sequenza d’immagini raffiguranti opere d’arte di artisti nazionali ed internazionali, in cui sono appunto presenti birra e zucca, a partire dall’arte moderna sino ad arrivare a quella contemporanea.

Media Partner dell’evento sono la testata giornalistica salernitana Citizen Salerno (www.citizensalerno.it), il magazine di settore Rosmarinonews.it (www.rosmarinonews.it) e il Vescovado, giornale di Ravello e Costa d’Amalfi (www.ilvescovado.it). Il progetto grafico è a cura di GapsLab.it.

La serata è a numero chiuso ed ha un costo di 30 euro a persona. La prenotazione è obbligatoria.

Per la realizzazione del progetto l’organizzazione si è avvalsa della collaborazione per la parte storico-artistica dello Studio PAMART-Consulenza e Progettazione culturale di Annamaria Parlato (www.pamart.it) mentre per la consulenza in materia di birre artigianali campane e abbinamenti ai piatti è stato interpellato l’esperto Alfonso del Forno, presidente dell’Associazione no Profit Non solo Glutine (www.nonsologlutine.it) e fiduciario di Slow Food Salerno.

LASCIA UN COMMENTO