Corruzione alla Commissione Tributaria, arrestato anche un autore Rai.

0
192
(ANSA) - SALERNO, 18 OTT - Nuovi arresti nell'ambito delle indagini sulla Commissione Tributaria di Salerno. Carcere per altri sette indagati tra giudici, funzionari, commercialisti ed imprenditori. Non si ferma, dunque, l'indagine che lo scorso 15 maggio ha portato all'arresto di 14 persone. Alcuni indagati, arrestati precedentemente, hanno svelato ulteriori episodi di corruzione. L'iter di ulteriori dieci sentenze di secondo grado pronunciate dalla Commissione Tributaria Regionale Sezione distaccata di Salerno, risulterebbe essere stato pilotato in cambio di denaro. Tra gli arrestati un professionista di Avellino il quale, dopo aver ricoperto per anni l'incarico di giudice tributario a Salerno, da settembre dello scorso anno fa parte del Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria. I fatti a lui contestati, concorso in cinque episodi di corruzione in atti giudiziari, sono stati commessi non in qualità di giudice tributario o consigliere, ma come intermediario corruttore che operava avvalendosi della conoscenza diretta del personale amministrativo e dei giudici tributari di Salerno.(ANSA).

C’è anche il manager televisivo Casimiro Lieto tra gli arrestati nell’operazione della Guardia di Finanza di sulle sentenze pilotate nella Commissione tributaria di Salerno. Lieto – autore del programma di Rai2 ‘La domenica ventura’ e in passato autore di ‘La prova del cuoco’ e ‘La vita in diretta’ – è accusato di concorso in corruzione.

Lieto deve rispondere di uno dei 13 capi di imputazione contestati agli arrestati questa mattina, in concorso con Antonio Mauriello, ex giudice tributario e attualmente membro del Consiglio nazionale della giustizia tributaria a Roma, e Fernando Spanò, presidente della IV sezione del Consiglio tributario regionale di Salerno.

I tre, scrive il gip Pietro Indinnimeo nell’ordinanza, “si accordavano per la corresponsione di un’utilità, consistente nell’individuazione e messa a disposizione, a favore di Fernando Spanò… di un posto di lavoro a beneficio di Franco Spanò, figlio del predetto Ferdinando”.

C’è anche il manager televisivo Casimiro Lieto tra gli arrestati nell’operazione della Guardia di Finanza sulle sentenze pilotate nella Commissione tributaria di Salerno. Lieto – autore del programma di Rai2 ‘La domenica ventura’ e in passato autore di ‘La prova del cuoco’ e ‘La vita in diretta’ – è accusato di concorso in corruzione. “Un sistema consolidato che sembrava essere unicamente la punta di un iceberg ben più profondo”: così il Gip tratteggia nell’ordinanza l’intero sistema corruttivo.  All’interno di questo ingranaggio si inserisce anche il nome di Antonio Mauriello, già giudice tributario, attualmente membro del Consiglio Nazionale della Giustizia Tributaria a Roma.  Mauriello, secondo l’accusa ha più volte ha “ostentato rapporti e contatti con esponenti apicali della Lega Nord” che utilizzava per fare in modo che i giudici tributari di Salerno dessero seguito alle sue richieste. Lo scrive il gip nell’ordinanza, citando le dichiarazioni rese dal “giudice tributario corrotto Ferdinando Spanò”.

La Rai “ha avviato l’iter per la risoluzione del contratto di collaborazione di Casimiro Lieto, autore della trasmissione ‘La Domenica Ventura’”. Lo annuncia Viale Mazzini, dopo l’arresto dell’autore tv nell’ambito dell’operazione della Guardia di Finanza di sulle sentenze pilotate nella Commissione tributaria di Salerno.

(ANSA)

LASCIA UN COMMENTO