Il vino. "Il primo bicchiere è per la sete, il secondo per l’allegria il terzo per la voluttà il quarto per la pazzia. (Apuleio)”

1
496

vino-rosso_19280a cura della D.ssa Giovanna Valente, Farmacista (lauree specialistiche in Farmacia e Farmacia Industriale) iscritta all’Ordine della Provincia di Napoli dal 2011.

Il vino è una bevanda alcolica complessa, molto antica, ottenuta dalla fermentazione totale o parziale del frutto della vite, l’uva o dal mosto.

Ha un alto potere biologico alimentare.

L’Italia è da sempre riconosciuta come terra di elezione per la coltivazione della vite,tanto che gli antichi greci le attribuivano il termine di ENOTRIA (terra del vino).

Da un punto di vista chimico il vino è una miscela di acqua, componente maggiore, e alcol etilico (etanolo) prodotto durante la fermentazione degli zuccheri presenti nell’uva la cui percentuale in volume corrisponde alla gradazione alcolica, zuccheri: glucosio e fruttosio che vengono fermentati dai lieviti presenti nel mosto con produzione di alcol, acetaldeide prodotto secondario della fermentazione, glicerolo prodotto secondario, la cui concentrazione aumenta all’aumentare della gradazione alcolica, acido tartarico presente nell’uva, acido lattico, acido malico, acido acetico.

prodotto secondario, alcol metilico particolarmente tossico si forma dall’azione delle pectine contenute nella buccia, composti azotati,acido citrico, ossigeno, anidride solforosa e composti fenolici che rappresentano la parte colorata e colorante del vino.

In base alla loro presenza vengono distinti in vini bianchi, rossi, rosati.

E’ proprio nei composti fenolici, il noto RESVERATROLO in cui si trovano le proprietà benefiche del vino rosso.

Il resveratrolo è prodotto normalmente dalla vite in risposta a stimoli infettivi. é presente nella buccia dell’uva. Studi clinici hanno dimostrato che questo composto ha numerose proprietà benefiche sull’organismo.

Si è visto che nello stomaco può ridurre il rischio di infezioni da parte dell’Helicobacter pylori.

A livello cardiocircolatorio si ha riduzione degli attacchi ischemici e prevenzione dell’infarto del miocardio. Ha inoltre attività antiaterogenica, inducendo aumento delle HDL abbassando la produzione di LDL responsabili della formazione delle placche ateromatosiche che occludono le arterie provocando seri problemi cardiocircolatori, ha attività antiaggregante.

Molto note sono le proprietà antiossidanti, che contrastano e prevengono i danni cellulari provocati dai radicali liberi e dall’invecchiamento cellula resi è visto che a livello neurologico, da uno a tre bicchieri di vino al giorno è associato ad un ridotto rischio di demenza negli anziani.

Inoltre questo composto insieme alle vitamine del gruppo B ed A contrasta l’invecchiamento cutaneo prevenendo le lesioni della cute foto indotte.

Altri Studi hanno evidenziato un effetto benefico del resveratrolo nella leucemia pro-mielocitica in quanto il composto induce apoptosi della linea cellulare NB4.

Seguendo un corretto regime alimentare associato a due bicchieri di vino rosso al giorno e alla buona compagnia possiamo trarre ottimi risultati ,migliorando non solo l’umore ma anche la salute fisica e mentale.

1 COMMENTO

  1. Desolante, per non dire scandaloso. Gran parte dell’articolo dedicato alle smentitissime proprietà del resveratrolo, presenti in minuscole tracce nel vino, e nulla sull’effetto tossico e cancerogeno dell’alcol etilico, presente nel vino in concentrazioni centinaia di migliaia di volte superiori.
    Anche nei funghi mortali mortali ci sono sostanze benefiche, facciamo un articolo sui benefici dell’amanita falloide?
    Vediamo cosa si dice nel resto del mondo, ad esempio rispetto al cancro:

    JAMA
    Uno studio su 105.986 donne, seguite per 28 anni, ha concluso che da 3 a 6 unità alcoliche a settimana (meno di un bicchiere di vino al giorno) aumenta del 15% il rischio di cancro al seno, due bicchieri al giorno aumentano questo rischio del 51% (“we did not find any difference by type of alcoholic beverage”):

    Istituto Australiano contro il cancro
    “Even drinking small amounts of alcohol increases your cancer risk. The more you drink, the greater the risk.”
    “The type of alcohol you drink doesn’t make any difference. Beer, wine and spirits all increase your risk of cancer.”.

    Istituto Francese contro il Cancro
    “Aucun seuil de consommation sans risque n’a été identifié, et même une consommation faible ou modérée d’alcool augmente le risque de cancers” … “L’augmentation de risque est significative dès une consommation moyenne d’un verre par jour.”, “Tous les types de boissons alcoolisées ont le même effet Toutes les boissons alcoolisées (bière, vin, champagne, alcools forts…) augmentent le risque de cancers.”

    IARC
    “Alcohol consumption is carcinogenic to humans” (Group 1).
    “Ethanol in alcoholic beverages is carcinogenic to humans” (Group 1).

LASCIA UN COMMENTO