Iformazione e Politica a Salerno, giovedì 3 alla Sala del Bar Moka per la Giornata Mondiale della Libertà di Stampa.

0
375

Giovedì 3 maggio, in occasione della Giornata mondiale della Libertà di Stampa,  alle ore 17.30 presso la Sala del Caffè Moka di Salerno (Corso V. Emanuele 108) si terrà l’incontro dibattito su “Informazione e politica a Salerno”,  organizzato da un gruppo di giornalisti indipendenti salernitani con la partecipazione di Marco Demarco, opinionista del Corriere della Sera, Ottavio Ragone, caporedattore La Repubblica Napoli, Francesco Piccinini direttore di Fanpage e di Vincenzo Iurillo di Il Fatto quotidiano.

L’incontro nasce dall’esigenza di aprire una franca discussione sull’informazione a Salerno, dopo le recenti inchieste della Terza rete Rai di Concita De Gregorio e il reportage sui rifiuti di Fanpage, che hanno suscitato polemiche e reazioni e riacceso l’attenzione sul modo di fare informazione a Salerno e in Campania.

Un rapporto tra la stampa e il potere locale anomalo, fortemente condizionato  dalla politica, segnato da attacchi alla libertà di espressione, offese ai giornali e ai giornalisti e  modalità non democratiche della comunicazione politica.

Il risultato è stato, in questi ultimi decenni, una perdita progressiva della funzione di vigilanza della stampa, del suo carattere storico di “cane da guardia” a favore di una progressiva trasformazione  dei media in meri portavoce della politica quando non in suoi zelanti difensori. Un racconto fuorviante e subalterno all’assetto di potere campano, oggi segnato da una verticale caduta del consenso.

Con questo incontro del 3 maggio, in occasione della Giornata mondiale della Libertà di stampa, organizzato da giornalisti di diversa provenienza e del tutto indipendenti, aperto alla città e a cui sono stati invitati a partecipare i responsabili di tutte le testate locali, colleghi e cittadini, si vuole tentare di riportare la discussione in un alveo di correttezza professionale che racconti i fatti di una città e di una regione senza condizionamenti,  senza nascondere le “imperfezioni” che affliggono la nostra terra e le numerose deviazioni della politica.

Invitiamo quindi ad un confronto pubblico e aperto, per riaffermare la funzione fondamentale del lavoro giornalistico, affinché la stampa recuperi il suo ruolo di indipendenza e vigilanza, per una informazione libera e non condizionata.

Massimiliano Amato, Mimmo Donadio Florio, Luciana Libero, Andrea Manzi, Marta Naddei, Andrea Pellegrino, Giuseppe Vuolo

Intervengono Marco Demarco (Corriere della Sera), Ottavio Ragone (La Repubblica Napoli), Francesco Piccinini (Fanpage), Vincenzo Iurillo (Il Fatto quotidiano)

Modera: Gabriele Bojano

Discussione aperta

LASCIA UN COMMENTO