Iniziato il corso per Guide Ambientali Escursionistiche in Costiera a cura di AIGAE.

0
666

“Per il turismo italiano la sfida è l’ampliamento del turismo ambientale che non conosce ormai tregua e che viaggia su cifre importanti fino al 12 %. Bisogna fare in modo che anche le istituzioni capiscano finalmente l’importanza di questo segmento di Turismo, quale è il Turismo Ambientale, che può influire molto sulla destagionalizzazione di zone di pregio come ad esempio la Costiera Amalfitana. Il turismo escursionistico può sicuramente ampliare la capacità turistica di questa zona e di altri territori italiani simili”.

Lo ha dichiarato Stefano Spinetti, fondatore di Four Season e Presidente AIGAE dal 2002 al 2017, intervenendo al Corso di Formazione di nuove Guide Ambientali Escursionistiche, organizzato da AIGAE ed in corso di svolgimento in una cornice meravigliosa quale è Praiano in Costiera Amalfitana.

Ecco i numeri impressionanti del corso. Ben 35 iscritti, il massimo consentito,  30 docenti, 307 ore di lezione, 10 escursioni sul territorio per un Corso senza precedenti in Campania, organizzato da AIGAE con i patrocini del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, Area Marina Protetta di Punta Campanella, Area Marina Protetta “Regno di Nettuno”, Parco Regionale dei Monti Lattari, Legambiente, Associazione Italiana Direttori Aree Protette, con la collaborazione del GAL Terra Protetta, del Distretto turistico “Costa d’Amalfi”, della Pro Loco di Massa Lubrense.

 

L’Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche AIGAE è l’unica di categoria a essere riconosciuta dal MISE ed è alla guida di un indotto turistico che ogni anno fattura mediamente 50 milioni di euro. Oramai le cifre di AIGAE sono in forte aumento con ben 2 milioni di turisti nell’ultimo anno, più di 300.000 sono stranieri.  Presidente di AIGAE è  Filippo Camerlenghi.

 

Le nuove Guide saranno formate attraverso lo studio di molteplici materie che spazieranno dalla Conduzione e prevenzione dei pericoli, all’Interpretazione ambientale e culturale (Heritage interpretation) e aree naturali protette, dallo studio della Cartografia-GPS-GIS, Storia, al Turismo sostenibile, Ambienti e biodiversità, dalla Zoologia, Leadership e Gestione dei gruppi, alla Risoluzione conflitti, Public speaking e ancora dalla Fiscalità, Legislazione, alla Geologia, Sentieristica, Meteorologia, Primo soccorso, Prevenzione pericoli e gestione sicurezza in ambiente outdoor, e ancora dall’Abilitazione IRC al BLS-D adulti e pediatrico, allo studio del Marketing e comunicazione, Flora e vegetazione, Comunicazione social, Tutela e gestione del mare.

Le aspiranti Guide però dovranno sostenere lezioni anche all’aperto, in ambienti naturali. Ed ecco che il Corso di Formazione vedrà protagonisti i romantici borghi della Costiera Amalfitana e della Penisola Sorrentina, del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, poi il 15 Aprile escursione AIGAE sul Gran Cono del Vesuvio, mentre il 16 Aprile le aspiranti Guide si immergeranno nel mondo delle tradizioni popolari entrando nei bellissimi borghi dei Monti Lattari.

 

LASCIA UN COMMENTO