La scuola include, la scuola esclude, presentato il progetto sul bullismo di Anffas Salerno in collaborazione con l'Università del Sannio.

0
79

Valutare se la scuola promuove l’inclusione o favorisce la discriminazione. Tenendo conto dell’ampio spazio avuto dal bullismo sui media negli ultimi tempi, si avverte sempre più la necessità di approfondire le caratteristiche del fenomeno e di evidenziare interventi preventivi, perché il bullismo deve essere considerato un problema della comunità e non soltanto della scuola.  Il bullismo fa male a coloro che lo subiscono, che lo compiono e a coloro che assistono senza fare niente, perché la violenza crea violenza.

Punta esaminare diversi aspetti  “La Scuola Include, la scuola esclude – bullismo, scuola e famiglia”, l’iniziativa promossa da Anffas Giovani, impegnata a promuovere l’inclusione sociale e la qualità della vita tra gli adolescenti e i giovani adulti e dall’Associazione Sorrisi Sparsi, importante espressione di solidarietà nella comunità salernitana, con il patrocinio del Comune di Salerno e dell’Università degli Studi del Sannio, in collaborazione della Parrocchia dei Santi Nicola e Matteo di San Mango Piemonte e Sordina, presentata questa mattina nella Sala del Gonfalone a Palazzo di Città a Salerno.

Sono intervenuti alla presentazione del progetto l’assessore comunale all’Istruzione Eva Avossa, l’assessore comunale alla Politiche Sociali Nino Savastano, il Coordinatore Regionale Anffas Onlus Salvatore Parisi, il referente nazionale del progetto Anffas Giovani Alessandro Parisi, il prof. Guido Migliaccio e il prof. Biagio Simonetti del Dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi Quantitativi dell’Università degli Studi del Sannio, il Presidente dell’Associazione Sorrisi Sparsi Enzo Sabatino,  la responsabile del concorso edel premio intitolato alla Prof.ssa Elvira Iuri, Alessandra Di Giacomo, il parroco di Sordina e San Mango Piemonte Don Antonio Romano.

Il progetto, che mira a valutare se l’organizzazione scolastica nei suoi elementi culturali e strutturali è “attrezzata” per contrastare il bullismo,  partirà la prossima settimana nelle scuole secondarie di secondo grado della provincia di Salerno.

Due le fasi dell’iniziativa che coinvolgerà gli studenti salernitani; da un lato la raccolta delle informazioni e l’analisi dei dati rilevati con un questionario anonimo, per valutare il fenomeno del bullismo all’interno della classe e della scuola,  curato dal Prof. Biagio Simonetti, del Dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi Quantitativi dell’Università degli Studi del Sannio;  dall’altro il premio intitolato alla Prof.ssa Elvira Iuri che ha sempre favorito la partecipazione attiva degli alunni, che porterà gli studenti a partecipare al concorso “La Scuola Include la scuola esclude – bullismo, scuola e famiglia”,  nella realizzazione di un cortometraggio o di un video spot.

Il tema del concorso è “La Scuola Include la scuola esclude – bullismo, scuola e famiglia” e vuole essere uno stimolo alla scuola per ripensarsi, riproporsi e intercettare i bisogni formativi delle nuove generazioni investiti da fenomeni di globalizzazione e dall’avvento di strumenti e tecnologie sconosciuti alle generazioni precedenti.

La partecipazione al concorso è aperta agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado della provincia di Salerno che possono partecipare in forma individuale oppure in gruppi.

Le risposte del questionario saranno analizzate e commentate dai prof. Biagio Simonetti e Guido Migliaccio del Dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi Quantitativi dell’Università degli Studi del Sannio nel corso del Convegno che si terrà il 28 Aprile prossimo presso il Salone dei Marmi del Comune di Salerno durante il quale sarà assegnato il premio “Elvira Iuri” al vincitore della sezione video del concorso.

Il progetto, che ha lo scopo di esser presenti nelle scuole ed aprire la porta al dialogo,  mira a rendere i ragazzi consapevoli dei processi che portano al bullismo e alla violenza, ma anche di riscoprire i valori sociali atti alla convivenza civile.

L’iniziativa avrà il suo momento conclusivo nella “Festa dell’Amicizia” in programma domenica 15 maggio, una giornata speciale di incontro tra le associazioni di volontariato e studenti, nei locali del Centro Parrocchiale di San Mango Piemonte.

Scuole invitate

Liceo Statale “Regina Margherita”, Liceo Statale “Alfano I”, Istituto Professionale Tecnico Tecnologico “B.Focaccia”, Liceo Classico “Francesco De Sanctis”, Liceo Scientifico “F.Severi”, Istituto d’Istruzione Superiore Statale “Santa Caterina da Siena – Amendola”.

LASCIA UN COMMENTO