I ragazzi dellla Giovanni XXIII di Cava ben figurano ai Giochi delle Scienze Sperimentali.

0
272

Grande soddisfazione per la scuola secondaria di I grado “Giovanni XXIII” di Cava de’ Tirreni per i risultati raggiunti dai suoi 9 alunni, che si sono distinti nel campo della matematica e delle scienze e porteranno il nome dell’istituto in tre finali nazionali, il Pristem alla Bocconi di Milano, i Giochi delle Scienze sperimentali organizzati dalla AISN, Associaizone Nazionale Insegnanti delle Scienza Naturali e alla Finale del progetto M&R, Matematica e Realtà. Ad andare in finale alle gare nazionali a Milano, dopo essersi classificato  al quinto posto nelle finali regionali svolte a Roccapiemonte, nella categoria C1 l’alunno Riccardo Santacroce, della classe IIE, che varcherà il 13 maggio le porte della prestigiosa università milanese, Bocconi e si giocherà la possibilità di andare a disputare le finali a Parigi.

A Senigallia, il 12 maggio, invece, parteciperà ai giochi delle Scienze Sperimentali l’alunno Tommaso Spasiano, della classe IIIH, arrivato primo alle finali regionali disputate a Roccapiemonte. A classificarsi nel progetto M&R, gli alunni Francesco Matteo Voli e Giorgia Accarino della IIIH, Elena Sergio della IIIE, Marco Urgesi, Caterina Palazzo, Tommaso Spasiano, Danila Vitale, della IIIH, che andranno a perugia il 27 aprile per prendere parte alla fase finale.

Il progetto realizzato in rete con il Liceo Scientifico di Cava de’ Tirreni, “A Genoino”, si basa su un approccio sperimentale alla matematica e propone una educazione alla modellizzazione come motore di innovazione didattica. M&R ha raccolto la sfida per trasferire i modelli matematici dai laboratori di ricerca alle aule scolastiche, utilizzando gli strumenti elementari in possesso degli allievi. Grande la soddisfazione del preside Maurizio de Gemmis, che ha espresso il proprio augurio ai ragazzi ed un plauso al corpo docenti, che hanno saputo profondere l’amore per le materie scientifico-matematiche ai ragazzi e sono state capaci di far emergere le eccellenze.

LASCIA UN COMMENTO