Anche la Villa Romana di Minori nella rete del Turismo Archeologico.

0
58

dal Sindaco di Minori Andrea Reale riceviamo e pubblichiamo

La Provvidenza ha benedetto questa nostra terra con il dono di una natura e di un paesaggio incantevoli, risorse che non sempre l’uomo ha saputo apprezzare e rispettare. La Costiera Amalfitana potrebbe essere un’isola felice, se solo gli atteggiamenti umani si conformassero alla suggestione dei luoghi e dell’ambiente: dovrebbero essere la serenità e la bellezza a guidare i nostri comportamenti, più che la malevolenza e il sospetto.

Facciamo in modo che la festa del Natale e l’arrivo del nuovo anno predispongano a una maggiore disponibilità verso gli altri, aprano le menti all’ascolto e i cuori all’accoglienza. Accantoniamo i tanti preconcetti che quotidianamente avvelenano i rapporti con il prossimo e compromettono il contributo di ognuno al progresso della collettività.

Dal Comune di Minori giunga questo impegno e questo auspicio: che il 2016 segni il ritorno per tutti i cittadini della Costiera ad un senso autentico di comunità e ad una responsabilità condivisa nel preservare l’armonia di questo territorio incomparabile.

Ringrazio il Ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini che dopo aver visitato questa estate la Villa Romana di Minori ha avuto l’attenzione di invitarmi questa mattina agli scavi di Pompei per la stupenda inaugurazione di sei nuove Domus ristrutturate e restituite alla visione del mondo intero.

Dopo la conferenza stampa ho avuto la possibilità per qualche minuto di interloquire col presidente Renzi invitandolo in Costa d’Amalfi, gli ho raccontato brevemente della Villa Marittima Romana e dell’introduzione della stessa nel circuito archeologico campano.

Il Presidente si è complimentato e mi ha detto testualmente alla presenza di numerosi giornalisti e autorità:” per quanto è bella Minori e la Costa D’Amalfi dovresti pagare per fare il Sindaco”.

Al di la della battuta, il nostro lavoro continua sodo per l’anno 2016 per riempire di contenuti culturali l’offerta turistica della Costa D’Amalfi.

La messa in rete dei beni culturali della Costa D’Amalfi inserita tra i grossi attrattori culturali della Campania rappresentano il cuore della nostra offerta turistica e un impulso rilevante per la destagionalizzazione.

La Conferenza stampa di oggi tenuta all’aperto negli scavi di Pompei illuminata dal sole della Campania è un esempio tangibile che ci sono tutte le condizioni ambientali, artistiche e culturali per vivere la Costa D’Amalfi anche di inverno

LASCIA UN COMMENTO