Racconti e Maree, la Notte del libro a Minori.

0
102

raccontiemaree

Non si è ancora spenta l’eco del successo della 10a edizione di ..incostieraamalfitana.it  Festa del Libro in Mediterraneo, che a distanza di un mese dalla chiusura ufficiale dell’evento con la consegna del Premio costadamalfilibri, Mercoledì 24 Agosto, ore 21.00, a Minori, sul Pontile Capitanerie di Porto “Guardia Costiera”, si festeggia “La notte del libro”.

Protagonisti della serata, ribattezzata dagli organizzatori “Racconti & Maree”, con il patrocinio del Comune e della Pro Loco di Minori, ed il sostegno della XX edizione del Gusta Minori, “Phlegraios” di Marco Perillo, edito da Rogiosi, “Gli amori interrotti” di Francesco Mari, pubblicato da Iemme, “Domani mi vesto uguale” di Elvira Morena, edito da Oèdipus, e “Viaggio inverso” di Vito Pinto, pubblicato da Graus.

“Phlegraios. L’ultimo segreto di San Paolo” di Marco Perillo, giornalista de “Il Mattino”, è un mistery appassionante sugli albori del Cristianesimo in Italia, ambientato in un lembo di terra incantato: i mitici Campi Flegrei nei dintorni di Napoli. Procolo Costagliola, giovane archeologo dal passato tormentato, ritrova un reperto avvolto da un enigma millenario, la mitica lettera di San Paolo a Laodicea. Una missiva che contiene un messaggio profondo sulla natura di Dio e sulla vita dopo la morte, che cambierà per sempre l’esistenza del protagonista. Un romanzo di formazione e di conversione, per conoscere a fondo le storie dei martiri campani delle origini, tra i primi in Italia, e per testimoniare la potenza dei valori cristiani in un’epoca complessa come quella attuale.

Il trittico “Gli amori interrotti” (parafrasi di una silloge di racconti di Italo Calvino, Gli amori difficili) dello scrittore Francesco Mari è una raccolta incentrata su storie di relazioni problematiche, non lineari, irrisolte o in cerca di risoluzione. L’estate americana è la storia di un personal assistant italiano “sedotto e abbandonato” da una nevrotica diva americana di passaggio a Venezia per il festival del cinema. Il secondo atto, Gli adolescenti, si incentra sull’esperienza di un professore di liceo che si invaghisce di un suo giovane studente maschio, pretesto per provare a immaginare una Morte a Venezia al tempo di Maria De Filippi. Voci nella notte, infine, ambientato in Sardegna, ha per protagonista un ex militare che d’estate aiuta la moglie, da cui è separato, a gestire insieme con la figlia un campeggio balneare. L’arrivo di un piccolo gruppo di amici (due ragazzi poco più che ventenni con le loro fidanzate), con cui l’uomo finisce suo malgrado col fare amicizia, innescano in lui una sorta di tentativo di riconciliazione con l’intera sua esistenza.

In “Domani mi vesto uguale” l’autrice Elvira Morena, medico cardio-anestesista, ritrae il mondo delle donne della sua generazione, ex ragazze che viaggiano con il disagio addosso, partite dalla visione del mondo in bianco e nero e che hanno assorbito gli echi del femminismo e i discorsi degli intellettuali, che all’epoca, avevano un peso specifico. Oggi, travolte dalle logiche del consumismo e dalla dittatura dell’omologazione che gioca sempre a ribasso, le donne hanno smesso di interrogarsi. Quando ci provano, avvertono un sentimento di smarrimento interiore, che omaggia  di una profonda solitudine. La protagonista della storia, Sara Ferrara, è una violinista con origini partenopee, che non rinnega mai, neanche quando si trasferisce in Francia, dove prende a volare intorno al globo per via dei concerti. Il Vesuvio rimane nella sua mente il punto fisso di riferimento, simbolo di una imponente  bellezza e della tragedia mista all’ineluttabile fatalità”.

In “Viaggio inverso. Letterati, artisti e dive sulla Costa d’Amalfi”, il giornalista Vito Pinto racconta, in punta di penna, 40 personaggi celebri che hanno vissuto la “divina” Costiera, tratteggiando ritratti corposi e curiosi, con aneddoti e vicende che non si trovano nelle biografie ufficiali. Un volume nato dalle pagine del quotidiano “la Città”, con la rubrica omonima “Viaggio inverso” che lo scrittore ha ulteriormente arricchito, riservando ad ogni storia gli spazi propri di un libro.

Ad intervistare gli autori Alfonso Bottone, direttore organizzativo di ..incostieraamalfitana.it.  Sottolineature musicali di Andrea il gatto & la volpe; voce narrante quella dell’attrice salernitana Vania De Angelis.

Ne “La notte del libro” c’è spazio anche per giocare con il pubblico proprio sul mondo della lettura, e per la solidarietà, con il sostegno al progetto “Una scuola per il Bènin”, in collaborazione con il Liceo Artistico “Sabatini-Menna” di Salerno e l’azienda Acquamarine fashion. E altre sorprese.

LASCIA UN COMMENTO