Pronti a gestire direttamente la Villa Romana, il Sindaco di Minori Reale scrive al Ministro Franceschini.

0
98

Sindaco Reale - Comune Minoripubblichiamo la lettera aperta che il Sindaco di Minori Andrea Reale ha scritto al Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini sulla questione della Villa Marittima Romana

 

LETTERA APERTA

ALL’ON.LE MINISTRO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

DARIO FRANCESCHINI

 

 

 

On.le Signor Ministro,

 

      l’attenzione che di recente la stampa nazionale e locale ha dedicato alla Villa Marittima Romana di Minori del I° secolo a.C.,(La Repubblica con annesso video http://larep.it/2ciBplt) ripropone con comprensibile sdegno il problema della cura e della fruibilità di questo sito di particolare interesse archeologico, storico e artistico, peraltro inserito nel contesto paesaggistico ambientale della Costiera amalfitana, dichiarato dall’Unesco, a pieno titolo, patrimonio dell’umanità.

Nonostante l’assiduo lavoro del MiBACT, della Regione Campania e del Comune di Minori, da ultimo con l’inserimento di tale pregevole monumento nel circuito archeologico regionale congiuntamente agli altri altrettanto pregevoli siti di Pompei, Paestum e Velia, la perdurante condizione di diffuso degrado in cui lo stesso versa, compromettendone sia l’integrità storico-artistica che la fruizione da parte del pubblico, impone, con drammatica urgenza, l’assunzione di coraggiose determinazioni per consentirne, da subito, l’utilizzazione in sicurezza, senza “se” e senza “ma”.

villa romana di Minori
villa romana di Minori

La Villa Marittima Romana di Minori infatti, come evidenziato, di recente, da numerosi articoli di giornale, manifesta evidenti segni di degrado ed è visitabile solo per una porzione dell’intero complesso monumentale, per le immancabili difficoltà economiche, e non solo, che impediscono da sempre alla Soprintendenza di porre definitivo rimedio agli atavici mali che affliggono questo frammento della nostra storia.

Peraltro, le relative, denunciate criticità fanno venir meno il monumento de quo quale attrattore turistico di particolare specificità ed interesse, così determinando un danno inaccettabile per l’economia di tutto il comprensorio amalfitano, sia in termini di redditività che di occupazione.

Orbene, On.le Ministro, a nome della comunità che rappresento e facendomi interprete dei desiderata degli operatori economici e dei lavoratori della Costiera amalfitana, oltre che delle migliaia di turisti che annualmente la visitano, nelle more delle Sue definitive determinazioni,

 

 

LE DICHIARO LA DISPONIBILITÀ,

da subito, del nostro Comune, ad assumere la temporanea gestione di tale sito archeologico, da svolgere sotto la costante vigilanza e controllo della locale Soprintendenza, impiegando gli organi della Protezione Civile e le altre associazioni di volontariato presenti sul territorio, garantendo, nel contempo, le dovute condizioni di sicurezza sia per il personale impiegato che per i visitatori, previo accordo istituzionale da stipulare.

Confidando nella particolare sensibilità e pragmatismo che La caratterizzano, resto in fiduciosa attesa di riscontro e Le porgo distinti saluti.

 

Dalla Residenza municipale,

7 settembre 2016

Il Sindaco

      Andrea Reale

LASCIA UN COMMENTO