Montecorvino Pugliano, consegnato il campo polifunzionale di Bivio Pratole all’Istituto Comprensivo di Montecorvino Pugliano e alla Parrocchia S.S. Giuseppe e Vito.

0
220

squadra amministrativaDinanzi ad una nutrita cornice di giovani si è tenuta nella mattina di venerdì 19 settembre la cerimonia di concessione d’uso esclusivo in orario scolastico del campo polivalente in via Basilicata di Bivio Pratole all’Istituto Comprensivo cittadino.

Alla cerimonia hanno presenziato il sindaco e consigliere provinciale, Domenico Di Giorgio, la dirigente Istituto Comprensivo Elvira Vittoria Boninfante, il vicesindaco Pierpaolo Martone, la delegata alla Pubblica Istruzione Maria Rosalba De Vivo, gli assessori allo Sport, alle Politiche del Lavoro e alle Politiche Sociali, rispettivamente Crescenzo D’Alessio, Michele Pagano e Silvana Nardiello, il delegato ai Lavori Pubblici Renato Stabile, il presidente e il componente giunta esecutiva del Consiglio Istituto, rispettivamente Donato Polito e Domenico Monaco, il responsabile della Consulta di Frazione Bivio Pratole Mario Manconi, il coordinatore Ispettori Ambientali Carmine Gallo, il responsabile UTC Gerardo Cerra, i responsabili dei plessi, docenti e alunni della scuola primaria e secondaria. Don Julian Rumbold ha impartito la benedizione alla nuova struttura.

La dottoressa Maria Rosalba De Vivo, delegata alla pubblica istruzione, nel suo intervento ha voluto raccomandare ai tanti giovani presenti il buon uso della struttura, mentre il presidente del Consiglio d’Istituto Donato Polito ha ricordato come il percorso collaborativo istituzionale tra scuola e Comune continui ad essere forte e produttivo.

La dottoressa Elvira Vittoria Boninfante, dopo il ringraziamento al sindaco Domenico Di Giorgio per l’importante lavoro di forte sinergia operativa istituzionale, ha voluto sottolineare come l’Istituto Comprensivo di Montecorvino Pugliano consente un’offerta formativa d’eccellenza, raccogliendo anche quest’anno tante iscrizioni fuori dai confini comunali, grazie alla preparazione del personale impiegato docente e non, nonché per la qualità delle strutture scolastiche.

“Siamo stamattina tutti presenti – ha dichiarato il sindaco Domenico Di Giorgio riferendosi agli amministratori comunali – perche il segnale che da anni proviamo a dare è diretto ad esprimere un concetto fondamentale che voi stessi ragazzi sperimentate nell’ordinario: quando si gioca in una squadra e tutti i componenti hanno la capacità di viaggiare nella stessa direzione ogni risultato diventa possibile, così come i fuoriclasse diventano importanti ma non fanno la differenza. Questo principio serve a superare molte difficoltà ed è il motivo per il quale tutti noi viaggiamo nella stessa direzione per uno stesso scopo: il bene della collettività. Saluto la dottoressa Boninfante che proprio in virtù delle qualità messe in campo in questi anni è arrivata a salire la scala delle responsabilità. Mi sento poi di sottolineare che quando iniziammo questa avventura, proprio con la dirigente Boninfante, immaginavamo una scuola che non fosse un’isola, ma diventasse uno strumento attraverso il quale si andasse a realizzare un giusto connubio con il tessuto sociale e il territorio. Allora sembrava un concetto astratto, ma con il passare del tempo questo sogno sta divenendo pian piano realtà, poiché abbiamo messo mano a tutte le strutture scolastiche del territorio rendendole sicure per i nostri figli. Successivamente, poi, abbiamo realizzato l’interscambio tra la scuola e le discipline sportive. Da qui lo sforzo fatto con la realizzazione degli impianti sportivi della piscina comunale, del campo al coperto “G. Siani”, dello stesso campo che stamani cediamo all’uso scolastico e del campo da calcio Sant’Antonio. Questi sono tasselli che vanno a realizzare un unico mosaico che si chiama scuola. Diamo in uso questa struttura perché l’Istituto Comprensivo possa proseguire ed integrare un percorso di forte sinergia tra l’istituzione comunale e la scuola, per la creazione di fondamenta per il cittadino costituite dall’istruzione, dallo sport e dalla società civile. Questo è il nostro progetto che stiamo poco alla volta realizzando per i nostri giovani”.

LASCIA UN COMMENTO