Minori e Patti unite nel nome di Santa Trofimena.

0
284

E’ un giorno di festa oggi per la città di Patti. A distanza di 50 anni le spoglia di Santa Febronia hanno fatto ritorno in città direttamente da Minori, cittadina della provincia di Salerno sulla costa amalfitana.

La tradizione vuole che il corpo della giovane martire Febronia, uccisa dal padre nella zona di grotte a Mongiove, venne trasportato dalle onde all’interno di un’urna di marmo sino al mare antistante Minori. Qui la popolazione accolse il corpo della giovane martire pattese, trainando dal mare con due grossi buoi l’urna di marmo, acclamandola poi come propria protettrice attribuendole il nome di Trofimena.

Per questo motivo il corpo della santa si trova custodito nella basilica di Santa Trofimena a Minori.

Qui a Patti, in cattedrale, sono custodite in una splendida urna d’argento solo poche reliquie del corpo della giovinetta Febronia, che preferì essere uccisa dal padre anziché rinnegare la propria fede in Dio.

Questo pomeriggio alle ore 18:30 le sacre reliquie sono giunte  in piazza Marconi, Ad attenderle il vescovo di Patti mons. Guglielmo Giombanco, il Sindaco di Minori Andrea Reale con il Parroco Don Ennio Paolillo , il Sindaco di Patti Mauro Aquino, il clero e gli alunni del seminario, autorità civili e militari e il popolo di Dio che da giorni aspetta con trepidazione questo momento.

Dopo l’accoglienza delle reliquie processione sino alla basilica cattedrale per un momento di preghiera presieduto dal vescovo.

Sabato mattina, invece, alle ore 10:30 in cattedrale ci sarà una celebrazione eucaristica per le persone ammalate. Nel pomeriggio, alle ore 17:30, in piazza Scaffidi una cerimonia di gemellaggio tra le città di Patti e Minori. Seguirà subito dopo una breve processione sino alla chiesetta di Santa Fibruniedda nel quartiere Polline, dove verrà scoperta una lapide commemorativa.

Subito dopo, alle ore 19:30, in cattedrale, la solenne celebrazione del vespro presieduta dal vescovo di Amalfi mons. Orazio Soricelli, alla presenza del vescovo di Patti mons. Giombanco, del Capitolo della cattedrale e del seminario.

Domenica si terranno invece i solenni festeggiamenti. Due sante messe saranno celebrate in mattinata in cattedrale, alle 8 e alle ore 10:30. Nel pomeriggio, alle ore 18:30, in cattedrale, ci sarà il solenne pontificale presieduto dal vescovo di Amalfi e concelebrato dal nostro vescovo, alla presenza delle autorità civili di Patti e minori, e di quelle militari cittadine. Alle ore 20 la suggestiva processione delle sacre reliquie e dell’effigie della Santa lungo le vie della città.

Lunedì mattina, invece, alle ore 9:30 in cattedrale si terrà una santa messa per ringraziare il Signore per il dono fatto alla comunità pattese di aver potuto nuovamente abbracciare le spoglia mortali della nostra patrona e concittadina Febronia, prima del rientro a Minori.

 

LASCIA UN COMMENTO