La Biblioteca sono io …. Il Libro un tesoro da custodire, progetto del Comune di Mercato San Severino.

0
389

La biblioteca sono io…il libro un tesoro da custodire” è il progetto a costo zero attuato dall’Amministrazione Comunale, grazie all’idea ed alla proposta dell’operatrice della Biblioteca Comunale “Michele Prisco”, Clementina Leone.

Un programma di  incontri  con gli alunni del primo e del secondo Circolo Didattico di Mercato S. Severino, dall’ottobre di quest’anno fino al mese di maggio 2019,  ospitati nei locali della biblioteca e presso l’aula Consiliare “Carmine Manzi” del Palazzo Vanvitelliano,  sede del Comune .

“Gli incontri” – spiega il Sindaco Antonio Somma – “ sono coordinati dalla stessa Clementina Leone ed  hanno l’obiettivo  di offrire approfondimenti ed integrazioni rispetto all’offerta formativa istituzionale e tradizionale, attivando, oltre agli incontri che hanno luogo nei locali della biblioteca comunale, anche seminari e laboratori, in collaborazione con esperti provenienti dagli ambiti tematici selezionati. Un’opportunità per offrire agli studenti ulteriori possibilità per conoscere e acquisire gli elementi necessari  per una fruizione autonoma e consapevole di tutti i servizi che la biblioteca Comunale “M. Prisco” offre”.

“La Biblioteca sono io …. Il Libro un tesoro da custodire” – aggiunge l’assessore alle politiche scolastiche, Enza Cavaliere – “è  una iniziativa sperimentata già lo scorso anno e sempre con notevole successo; a testimoniarne l’utilità e la validità, mi fa piacere sottolineo che e’ pervenuta una nota di incoraggiamento e di consenso da parte  della Regione Campania. Il progetto è incentrato soprattutto sulla scrittura creativa, con lo scopo di mostrare ai ragazzi, attraverso il gioco, un nuovo metodo di approccio al libro ed alla lettura. Dal semplice gesto di toccare e sfogliare un libro, si giunge, per gradi, a sviluppare negli alunni la capacità di stabilire un rapporto autonomo con l’informazione ed il gusto dell’apprendimento”.

 

“Un utilissimo supporto”  –  chiude il primo cittadino – “ per le attività didattiche, un’opportunità di crescita e di formazione per alunni e studenti che, mediante un approccio piacevole ed accattivante, si accostano alla lettura, si abituano all’ascolto ed alla riflessione, interagiscono e si affacciano alla conoscenza degli autori più importanti, ma anche dell’editoria locale”.

LASCIA UN COMMENTO