Garanzia Giovani: attivazione dei tirocini formativi, presentato il programma del Comune di Eboli.

0
199

Comune-di-Eboli-116E’ stato presentato questa mattina, nell’aula consiliare del Comune di Eboli, il nuovo programma di formazione ed inserimento lavorativo denominato “Garanzia Giovani: attivazione dei tirocini formativi”.

Da oggi, 14 gennaio, e per i successivi 15 giorni, sarà infatti possibile rispondere alle offerte di tirocinio inserite dal Comune di Eboli sul portale www.cliclavoro.lavorocampania.it nell’ambito del progetto europeo “Garanzia Giovani”, promosso per la Regione Campania dall’Agenzia per il Lavoro e l’Istruzione (ARLAS).

Una presentazione, quella di questa mattina, che di fatto pone sul mercato le possibilità riservate ai giovani, non chiudendole nei cassetti come spesso era avvenuto in passato. «Ringrazio il Sindaco, Massimo Cariello, per la fiducia che quotidianamente ripone in me e sono felicissimo del pienone di giovani di questa mattina in aula consiliare, segno che l’iniziativa informativa è piaciuta ed interessava i giovani ebolitani – ha commentato il capogruppo consiliare di Insieme X Eboli, Carmine Busillo, ex presidente del Forum Provinciale dei Giovani -. L’informazione sarà un pilastro dell’azione amministrativa, specie nel settore delle politiche giovanili, anche accentrando l’informagiovani presso Palazzo di Città, in quanto riteniamo che attraverso l’informazione si possa trasmettere il senso ed il valore della libertà e dell’autonomia della conoscenza. È finito il tempo dei bandi che venivano nascosti agli occhi dei cittadini, qui per la prima volta abbiamo spiegato ed avvisato che il giorno dopo la conferenza viene pubblicato il bando e non l’abbiamo pubblicato in qualche sezione secondaria del sito, bensì in prima pagina». Il programma prevede 23 tirocini formativi, della durata di 6 mesi, estesa a 12 mesi per coloro che usufruiscono della ex legge n. 68/1999, suddivisi nei seguenti profili professionali: 3 ingegneri edili ed ambientali, 1 architetti e specialisti per recupero e conservazione territorio, 2 avvocati, 1 tecnico gestore rete e sistemi informatici, 1 tecnico ambientale, 3 addetti a funzioni di segreteria, 1 addetti agli affari generali, 1 addetto al protocollo e smistamento documenti, 1 addetto al personale, 2 addetti alla contabilità, 1 addetto alle buste paga, 1 giornalista, 1 bibliotecario, 1 conduttore di autobus, 3 addetti alla manutenzione del verde.

«È una grande opportunità, primo caso di politiche attive messe in campo su larga scala per i giovani – sottolinea il presidente della commissione consiliare per le politiche giovanili, Giuseppe Piegari -. Opportunità che, però, va seguita e monitorata. Insieme con i colleghi commissari ci impegneremo quindi per seguire questo progetto, restando vigili perché ci sia rispetto totale dei ragazzi limpidamente scelti e perché si possano anche porre le basi per un prosieguo lavorativo». I tirocini, come da disposizioni europee, sono destinati a giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni, non impegnati in un’attività lavorativa, né inseriti in un regolare corso di studi o formazione (cosiddetti NEET) a cui sarà corrisposta un’indennità di partecipazione di 500 euro mensili. E’ necessario essere iscritti al programma “Garanzia Giovani” tramite il sito www.cliclavoro.lavorocampania.it, la registrazione è possibile fino al giorno prima del compimento del 30° anno di età. Alla presentazione ha partecipato anche il sindaco di Eboli, Massimo Cariello, visibilmente soddisfatto per il progetto: «I giovani ed il loro futuro rappresentano una nostra priorità, non solo elettorale e politica, ma anche umana. Pensiamo che sia nostro preciso dovere investire su di loro, predisponendo, per quanto possibile, le condizioni affinché le energie, le competenze e le professionalità dei giovani possano esprimersi al meglio. Anche per questo ho voluto investire, in termini di responsabilità, su due giovani della mia compagine amministrativa, nella certezza che il loro impegno, come oggi si è dimostrato, ci potesse garantire risultati positivi».

LASCIA UN COMMENTO