“Un etrusco in famiglia”: in 600 al Museo Archeologico Nazionale di Pontecagnano.

0
24

“Siamo davvero soddisfatti del risultato raggiunto e pronti a programmare e sostenere nuove iniziative perché il Museo deve diventare la casa di tutti”.

E’ il commento del Sindaco Ernesto Sica e dell’Assessore alla Cultura e ai Beni culturali Lucia Zoccoli in merito all’evento “Un etrusco in famiglia” che si è tenuto nella giornata di ieri al Museo Archeologico Nazionale di Pontecagnano “Gli Etruschi di frontiera”.
Circa 600 persone hanno, infatti, preso parte alle visite guidate e ai laboratori tematici promossi dall’Amministrazione di concerto con la Cooperativa Metaia, il Liceo artistico statale “Alberto Galizia” di Nocera Inferiore, l’Oratorio Virtus Nova, la Pro Loco ‘Etruschi di frontiera’, la Pro Loco ‘Città Amina’ e con il sostegno delle aziende Caffè Giordano e “Il Fiore è… di Raffaele Cisale”.
“Una grande sinergia e un grande risultato – afferma l’Assessore Zoccoli – che ci fanno ben sperare in vista delle prossime iniziative. Infatti è nostra intenzione sostenere ogni prima domenica del mese una serie di appuntamenti tematici condivisi con gli archeologi della Cooperativa Metaia e l’associazionismo cittadino. A novembre una giornata sarà incentrata sul tema del vino”.

L’iniziativa di ieri si inserisce pienamente tra gli obiettivi dell’Amministrazione comunale rivolti alla valorizzazione del patrimonio archeologico, culturale e storico della Città di Pontecagnano Faiano. L’Ente, infatti, attraverso l’approvazione di uno schema di protocollo, ha inteso rafforzare la sinergia con la Soprintendenza Archeologia Campania in merito all’integrazione dell’area archeologica e del Museo. In tal senso, la struttura museale di via Lucania presto ospiterà anche la biblioteca comunale.

LASCIA UN COMMENTO