Eboli, approvato il progetto esecutivo del Polo Sociale, Culturale e Didattico Istituto Virgilio e centro Sportivo Spartacus.

0
77

PROGETTO 02L’amministrazione comunale di Eboli, con la una deliberazione di giunta, ha approvato il progetto preliminare di riqualificazione del Polo sociale-culturale-didattico composto dall’Istituto Virgilio e dal centro Sportivo Spartacus, al fine di candidarlo alla partecipazione al Bando nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate.

La scelta è ricaduta su tale area, perché la scuola e lo sport sono elementi chiavi ed imprescindibili del benessere individuale e sociale, luoghi della vita collettiva delle comunità, espressione della diversità del nostro comune patrimonio culturale e naturale fondamento della nostra identità. E’ la prima volta che un’amministrazione comunale di Eboli, con un deciso cambio di rotta rispetto agli ultimi dieci anni, sceglie luoghi periferici per richiedere finanziamenti per opere pubbliche tese alla riqualificazione e alla valorizzazione del territorio al fine di ridurre il fenomeno della marginalizzazione e dell’abbandono. Si rispetta, dunque, l’impegno assunto in campagna elettorale con i cittadini ebolitani: far sentire l’amministrazione vicina alle periferie, perché Eboli deve considerare il proprio territorio ugualmente importante in ogni area, una città di tanti centri e nessuna periferia.

L’approvazione di questo progetto rientra nel solco, quindi, di un percorso già intrapreso da questa amministrazione attraverso incontri settimanali con i rappresentanti dell’amministrazione comunale e la determinazione di procedere alla sistemazione degli spazi pubblici nella scuola Virgilio, in modo volto da garantire che i residenti non vivano un sentimento di abbandono, ma al contrario si sentano parte integrante della città.

«Un grande obiettivo raggiunto attraverso l’impegno e la volontà di aggregare ogni parte de territorio comunale, consentendo ai residenti un autentico protagonismo nelle scelte strategiche – commenta il sindaco di Eboli, Massimo Cariello -. Voglio pubblicamene sottolineare l’impegno dell’assessorato al Patrimonio, quello ai Lavori Pubblici e quello ai Servizi Sociali, che hanno dimostrato che, anche con poco tempo a disposizione, è possibile, grazie al coordinamento tra settori ed alle professionalità messe in campo, portare avanti progetti ambiziosi per riqualificare sotto il punto di vista del decoro urbano edilizio e sociale il nostro territorio. Un ringraziamento va inoltre anche a tutto il settore Lavori Pubblici coordinati dall’architetto Parente, impegnato su tanti cantieri e su tanti progetti in corso per consentire ad Eboli di attingere a qualsiasi forma di finanziamenti possibili. Sul piano politico-amministrativo, con orgoglio rivendico il mantenimento degli impegni con i cittadini, perché l’attenzione per tutte le aree del territorio comunale, anche per quelle zone in passato sempre dimenticate dalle Amministrazioni succedutesi, rimane un nostro tratto essenziale ed un obiettivo prioritario. Non esistono centro e periferia, ma esistono le tante aree di Eboli, tutte ugualmente degne di attenzione, così come le comunità che le popolano, per le quali manteniamo attenzione e rispetto. Si tratta di un traguardo imprtante, per il quale voglio personalmente ringraziare il consigliere comunale Mario Domini, sia per la sua sensibilità politico-amministrativa nel sottolineare le esigenze dell’area e suggerire possibili soluzioni, sia per la competenza professionale che ci ha supportati in questo percorso virtuoso che ha portato all’approvazione del progetto esecutivo». Sulla stessa lunghezza d’onda le dichirazioni dell’assessore comunale ai Lavori Pubblici, Matilde Saja: «E’ un obiettivo al quale tenevamo molto come amministrazione comunale. Un obiettivo raggiunto grazie alla collaborazone sinergica tra assessorati, per il raggiungimento del quale, però, è stato importante l’apporto dell’intero esecutivo e l’impegno della nostra struttura tecnica, che ha sempre risposto quando è stata chiamata all’opera».

LASCIA UN COMMENTO