Dopo la denuncia di Striscia la Notizia, il sindaco di Eboli ordina il sequestro dell’allevamento lager.

0
61

SEQUESTRO 01Questa mattina è stato sottoposto a sequestro l’allevamento in località Casarsa dove i diversi capi ed esemplari erano tenuti in condizioni di assoluto degrado e sottoposti a numerosi rischi.

In mattinata, il sindaco di Eboli si è recato personalmente sul luogo, la cui presenza era stata segnalata nelle ore precedenti da un servizio televisivo del Tg satirico “Striscia la notizia”, su segnalazione di una delle associazioni di difesa degli animali operanti sul territorio.

Il sindaco di Eboli ha condotto il sopralluogo insieme con vigili urbani, servizio veterinario della Asl Salerno, guardie ambientali, gruppo zoofilo ed alla presenza dell’assessore comunale all’ambiente ed alla tutela degli animali, Ennio Ginetti. Una volta giunti sul posto, le autorità comunali e sanitarie si sono resi conto del degrado che regnava all’interni dell’allevamento, condotto con strutture fatiscenti e nel degrado più assoluto, addirittura pericoloso per i capi presenti, sia bovini, sia cani.

Immediatamente è scattato il provvedimento di sequestro, alla presenza delle autorità, per la struttura di proprietà di un allevatore 64enne di Eboli. «Condizioni impossibili nelle quali far vivere ed allevare qualsiasi tipo di animale – ha commentato il sindaco di Eboli, Massimo Cariello, che ha sollecitato con decisione il provvedimento di sequestro . Ringraziamo il tg satirico di Canale 5 ed il suo inviato Edoardo Stoppa, per averci segnalato questo enorme problema sul quale siamo però prontamente intervenuti. Quanto abbiamo visto è un’offesa non solo per gli animali, ma per l’intera comunità ebolitana, che vanta gradi di civiltà sicuramente maggiori. E’ un’offesa anche per la nostra amministrazione comunale, che anzi si è distinta per la massima attenzione nei confronti degli animali. Basti ricordare i recenti provvedimenti in favore, ad esempio, dei cani durante il periodo natalizio, quando abbiamo vietato che si esplodessero fuochi d’artificio, anche perché danneggiano inutilmente i cani; la recente regolamentazione sulle attività circensi sul suolo comunale, per le quali l’autorizzazione è condizionata al rispetto del trattamento degli animali secondo le convezioni internazionali e la stessa scelta di assegnare una delega specifica, nel nostro caso all’assessore Ennio Ginetti, per la tutela degli animali».

LASCIA UN COMMENTO