La casa di vetro: nasce a Vallo il primo Centro Antiviolenza.

0
91

vetroIl vetro può essere fragile e al tempo stesso resistente, due facce della stessa medaglia che rappresentano da un lato la fragilità del genere femminile e dall’altro l’indistruttibile rete che cerca di combattere, quotidianamente, la violenza sulle donne.

Un fenomeno che non conosce confini, né limiti temporali e che, in seguito all’iniziativa dell’Amministrazione Aloia, sarà possibile affrontare anche nel nostro amato territorio.

Si è realizzato, infatti, grazie alla collaborazione dell’ATI (Associazione Temporanea d’Impresa) un Centro Antiviolenza che opererà nell’Ambito Territoriale Salerno 8 e che avrà quali obiettivi principali l’aiuto e la protezione di donne sottoposte a violenza reiterata e di tutti coloro che subiscono maltrattamenti in maniera gratuita.

Il progetto s’incardinerà presso i tre Comuni dell’Ambito Territoriale di più grande dimensione, quello di Vallo della Lucania, di Agropoli e di Castellabate che apriranno degli appositi sportelli per 5 giorni settimanali: per 3 giorni in orario pomeridiano e per altri 2 giorni in orario mattutino; sarà, invece, garantita l’assistenza telefonica 24 ore su 24.

Gruppi di sostegno, assistenza e consulenza legale, iniziative di prevenzione del fenomeno, coordinamento con i servizi del territorio pubblici e privati, monitoraggio delle attività e dei risultati sono gli strumenti che questo Centro metterà a disposizione degli utenti per stilare un progetto individualizzato che terrà conto delle esigenze del singolo.

In tale iniziativa, saranno coinvolti anche i Distretti Sanitari ricadenti nel territorio dell’Ambito Salerno S8 che segnaleranno al Centro i casi di cui avranno conoscenza nello svolgimento della loro attività sanitaria.

“L’obiettivo che ci proponiamo di raggiungere è quello di cercare una soluzione ad un fenomeno così delicato e rilevante, spesso sottaciuto, e per farlo abbiamo bisogno di collaborare tutti, di tollerare la diversità e di dialogare. Questo Centro vuole, appunto, essere un sostegno per le donne, per i bambini e per tutti coloro che subiscono maltrattamenti, affinchè si possa offrire loro un aiuto concreto”, così commenta il Sindaco, Antonio Aloia.

LASCIA UN COMMENTO