Al tavolo tecnico sugli impianti il Comune di Eboli impone il contenimento dei rifiuti umidi e la riduzione delle emissioni.

0
252

Preservare la Piana del Sele dalla presenza di rifiuti umidi, riducendo le quantità e contemporaneamente mettere in campo azioni tese al miglioramento delle emissioni. Sono le due direttrici sulle quali il Comune di Eboli ha chiamato al confronto Enti ed istituzioni in occasione del tavolo tecnico convocato per ieri, al quale Eboli era rappresentata dal sindaco, Massimo Cariello; dal presidente del consiglio comunale, Fausto Vecchio e dall’assessore comunale all’ambiente, Ennio Ginetti. «I lavori sono stati aggiornati per la mancanza del Comune di Battipaglia – ha spiegato il primo cittadino di Eboli – , ma il Comune di Eboli, alla presenza di Ecoambiente, ATO, Camera di Commercio, Provincia e Regione, ha ottenuto che i lavori si aggiornassero con la previsione di contenere entro le 35mila le tonnellate di rifiuti umidi da trattare nella Piana del Sele, quindi preservando il territorio di Eboli e dei Comuni limitrofi. Lunedì prossimo, in occasione della nuova riunione del tavolo tecnico, il Comune di Eboli presenterà un programma di adeguamento degli impianti cittadini, puntando al miglioramento del funzionamento, in termini soprattutto di emissioni».

LASCIA UN COMMENTO