Widiba alla scuola media Solimena di Nocera per parlare di educazione economica mercoledì 3.

0
103

WidibaPrende il via il 3 febbraio, presso la scuola media statale “Solimena-De Lorenzo”, il progetto “Educazione Economica e Finanziaria – Junior”.

L’iniziativa nasce da una idea di Alfonso Picaro, Personal Advisor di Widiba, una delle Banche più innovative sul mercato, con la collaborazione di Giuseppe Pannullo, dirigente della Scuola Secondaria di I° Grado “Solimena-De Lorenzo”, e la partnership di una primaria società finanziaria che ha condiviso il progetto mettendo a disposizione il materiale didattico.

L’obiettivo è fornire le prime nozioni di finanza ai consumatori del futuro, partendo dalle differenze tra i vari strumenti di pagamento, per poi spiegare la gestione del budget familiare e della “paghetta”, la differenza tra risparmio e investimento e tra indebitamento e sovra-indebitamento, il rapporto tra rischio e rendimento, per finire con le primissime nozioni sui mercati finanziari.

I ragazzi – spiega Alfonso Picaro, Pesonal Advisor di Widiba e organizzatore dell’iniziativa – saranno impegnati anche in laboratori che si terranno al termine di ogni lezione dove gli studenti dovranno mettere in pratica quanto appreso, mettendosi alla prova con l’uso pratico dei vari strumenti di pagamento e con la gestione dei risparmi della famiglia”.

“Ci piacerebbe – continua Picaro – poter coinvolgere anche altri istituti Secondari di I° Grado, perché sono proprio le nuove generazioni quelle in cui Widiba crede e su cui vuole investire per dare loro le competenze per poter un domani approcciare gli investimenti in modo consapevole. Noi italiani – conclude Picaro – siamo tra le ultime nazioni in quanto ad alfabetizzazione finanziaria scolastica, pertanto auspico che l’iniziativa possa fornire un primissimo concreto stimolo per invertire questa tendenza”.

Il progetto avrà la durata di 12 ore e vedrà la partecipazione di circa 60 alunni delle classi del secondo anno ai quali sarà rilasciato il “Diploma di Risparmiatore Informato-Junior” e il volume “Il mio primo libro di Economia”.

LASCIA UN COMMENTO