La legge di stabilità taglia fondi alle Province, a rischio i servizi confermati dalla Legge Delrio. L'allarme dei presidenti delle Province. Chiesto incontro con Napolitano.

0
19

canfora-giuseppe.00“I Sindaci neo eletti Presidenti di Provincia e gli amministratori provinciali, analizzata la Legge di stabilità 2015 che impone alle 104 Province e alle Città metropolitane un taglio 1 miliardo per il 2015, 2 miliardi per il 2016 e 3 miliardi per il 2017, ritengono che non sia possibile garantire i servizi essenziali ai cittadini in capo alle Province e alle Città metropolitane. In questa condizione, se il Governo non riterrà di rivedere l’attuale impostazione, non possono assumersi alcuna responsabilità per le gravi conseguenze che da questo deriveranno per le comunità amministrate”.

Questo l’allarme lanciato dai nuovi Sindaci Presidenti di Provincia e dagli amministratori provinciali che si sono riuniti oggi in Assemblea a Roma, a cui ha partecipato anche Pietro Fassino, presidente nazionale dell’Anci, per discutere dell’impatto della Legge di stabilità 2015 sui servizi garantiti dalle Province e dalle Città metropolitane.

Servizi che, con la riforma Delrio, restano confermati: dalla gestione e messa in sicurezza delle oltre 5.100 scuole superiori italiane, in cui studiano 2 milioni e 500 mila ragazzi, dei 130 mila chilometri di rete viaria nazionale, di cui 38 mila di strade montane, alla tutela dell’ambiente e agli interventi contro il dissesto idrogeologico. Servizi che nel 2014 hanno avuto un costo di 3 miliardi e 188 milioni. Con i tagli imposti dalla legge di stabilità, nel 2015 le risorse su cui Province e Città metropolitane potranno contare per questi stessi servizi scende a 2 miliardi, per arrivare a 1 miliardo nel 2016 e all’azzeramento totale nel 2017.

“Non si tratta di abolire le Province – sottolineano i Presidenti di Provincia – ma di chiudere servizi essenziali, di non potere assicurare il riscaldamento nelle scuole, lo sgombero della neve, la messa in sicurezza delle strade, la tutela del territorio e dell’ambiente. Serve una presa di responsabilità da parte di tutti, per questo, oltre al confronto aperto con il Governo, chiediamo al presidente della Repubblica e a tutti i capigruppo in Parlamento di incontrarci fin dalla prossima settimana per rivedere l’attuale impostazione della manovra che penalizza fortemente le Province ”.

All’incontro di oggi era presente anche il presidente della Provincia di Salerno, Giuseppe Canfora, che ha sottolineato che i tagli alle Province decisi dal Governo centrale hanno determinato una situazione drammatica e ingestibile. “Senza risorse non possiamo garantire i servizi essenziali – spiega il presidente Canfora – . Ecco perché chiediamo al Governo di rivedere e correggere la legge di stabilità che penalizza fortemente Province e Comuni”.

LASCIA UN COMMENTO