Equitalia: arriva la sanatoria per i debiti vecchi, presentato il ddl "Rottamazione".

0
371

carrellaa cura del Dr. Vincenzo Carrella, dottore commercialista, giornalista economico ed analista

Una sanatoria Equitalia-contribuenti che consenta di recuperare i crediti senza strozzare chi se la passa male con il fisco. È questo in sostanza il contenuto della proposta di legge presentata  a palazzo Madama ,  recentemente assegnato alla 6ª Commissione permanente (Finanze e tesoro) .Già ribattezzato “Ddl rottamazione dei ruoli”, il testo mira ad obbligare Equitalia ad accettare la rateizzazione dei debiti dei cittadini insolventi con l’erario o con la previdenza.

La norma è particolarmente importante ed attesa da molti, in quanto, pur non contenendo una sanatoria vera e propria, dà la possibilità di saldare i debiti con Equitalia per erario e Inps in modo graduale, senza l’applicazione di interessi e sanzioni e cancellando una parte del debito diventato insostenibile.Ma non si tratta di “un condono – avvertono subito gli ideatori della proposta  – perché non ha come destinatari  gli abituali evasori fiscali ma persone/contribuenti  normali che lavorano – artigiani, commercianti, imprenditori – i quali  alla  fine di ciascun mese  si trovano davanti al drammatico interrogativo se pagare il mutuo, i dipendenti o le rate del fisco.

I dati del resto parlano chiaro: solo nel febbraio del 2015, le somme iscritte a ruolo a carico di Equitalia  ammontavano a 682,2 miliardi, di cui oltre 580 miliardi però “sono da considerare prudenzialmente inesigibili e il loro recupero risulta incerto”.

Da qui, la proposta  consequenziale che consentirà all’erario – con molta probabilità- di recuperare parte di questi crediti “congelati e di difficle esazione”  e ai cittadini di poterne sostenere il pagamento “agevolato”  In sostanza, se oggi è il contribuente a dover bussare alle porte   di Equitalia  chidendone educatamente il “permesso”  per  la negoziazione di  un piano di rientro, con la proposta di legge in corso  si inverte l’ordine dei fattori, obbligando “l’agente della riscossione, sulle base di un calcolo  di convenienza  che consente all’erario di recuperare i crediti “dormienti”  , riducendo l’importo del capitale eliminando gli interessi, ad accettare un piano concordato di rientro, con una rateizzazione compatibile con le possibilità finanziarie del contribuente”.

1455912364523.jpg--equitalia__c_e_una_via_di_fuga__ecco_come_tagliare_tutti_i_debiticartella__quando_non_si_pagaNel dettaglio, la proposta di rottamazione, o meglio di rateazione e stralcio, deve essere notificata dall’agente della riscossione, per via telematica, tramite posta elettronica certificata (PEC) entro il 30 aprile 2017 (cioè l’anno successivo a quello di entrata in vigore della legge, nella speranza che l’iter si concluda entro il 2016). Un dubbio atroce resta: quanti saranno i “privati” titolari di Pec?   Probabilmente  inseriranno l’obbligo nel  previsto decreto applicativo

 

 Tornando al  meccanismo del ddl , previsti  due diverse tipologie di contribuenti/destinatari : quelli “in grave difficoltà finanziaria“, ossia con debiti per oltre il 50% precedenti al 2010; quelli in “momentanea difficoltà finanziaria”, ovvero con debiti oltre il 50% precedenti al 2012.

Per i primi, il “trattamento” prevede il pagamento integrale dell’Iva, dei contributi o il 75% dei tributi, con l’ottenimento dello stralcio integrale delle sanzioni, degli interessi e dell’aggio di riscossione.

Per i secondi, il trattamento è il medesimo, con il 95,5% dei tributi, fermo restando lo stralcio di interessi, sanzioni e aggio.

Quanto alle rate, infine, per i debiti inferiori a 50mila euro il debito sarà estinto con otto rate trimestrali pagabili in due anni.

Se i debiti, invece, risultano superiori a 50mila euro le rate trimestrali diventano dodici, pagabili in un triennio.

 

Vincenzo Carrella

LASCIA UN COMMENTO