Coldiretti Salerno: serve la banda larga nelle aree rurali per la vendita online dei prodotti agroalimentari.

0
317

coltimangiati_conferenzacoldiretti2“Le vendite on line per i nostri imprenditori agricoli rappresentano un’occasione ancora poco sfruttata e che potrebbe invece rappresentare una integrazione del reddito molto interessante. Coldiretti Salerno auspica e sollecita un grande investimento per la banda larga nelle aree rurali con la prossima programmazione Por 2014/2020”.

A dichiararlo il presidente di Coldiretti Salerno, Vittorio Sangiorgio, intervenendo ad Ascea all’evento formativo organizzato dal Centro Sperimentale di Sviluppo delle Competenze nell’area del CRM e dei Servizi Avanzati.

“La banda larga è uno strumento fondamentale per le imprese nelle zone rurali – osserva Sangiorgio –internet è indispensabile per la crescita, la diversificazione e lo sviluppo delle economie delle aree agricole, necessario per programmare la produzione, vendere i prodotti on line, conoscere i prezzi sui mercati internazionali. La connettività sul territorio, oltre a favorire uno sviluppo economico più integrato, potrà contribuire anche a ridurre quell’isolamento che grava sulle popolazioni residenti nelle aree più marginali dell’entroterra”.

Secondo Coldiretti Salerno, appena il 7% delle aziende agricole salernitane ha sviluppato servizi di e-commerce, nonostante la richiesta sia molto più elevata. Intere aree dell’entroterra, in primis il territorio degli Alburni e del Parco nazionale del Cilento, non hanno una rete efficiente.

Tra i prodotti enogastronomici più gettonati dagli acquirenti on line, secondo Coldiretti, ci sono il vino, la pasta e i formaggi, seguiti da marmellate e confetture, salumi, dolci e olio extravergine d’oliva.

A frenare la vendita sul web rimangono però diversi fattori, dalla preoccupazione per la sicurezza di effettuare pagamenti su internet fino al timore di truffe on line.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here