ACLI: l’Italia migliora ma non il Sud.

0
901
Babazar.it le grandi marche abbigliamento donna con il 60% di sconto

Gli ultimi dati Istat sull’occupazione sono stati ampiamente e con enfasi commentati, ma resta controverso il dato sulla disoccupazione giovanile al Sud che, per la particolarità del mercato del lavoro italiano, dovremo abituarci a leggere in relazione con l’andamento del tasso di inattività (il più alto in Europa) senza dimenticare, la componente demograficase cresce la popolazione degli over 50 è normale che cresca anche il numero degli occupati, con un conseguente e preoccupante aumento del divario generazionale. 

La lettura attenta dei dati (con particolare attenzione alla fascia 35-49), dunque, evidenzia un mercato del lavoro molto segmentato con differenze profonde per età, per settori produttivi, per genere e territorio, in particolare fra il nord e il sud del paese.

La crescita economica e dunque l’occupazione nel Mezzogiorno d’Italia, passano certamente da una più efficace articolazione (a medio e lungo termine) di politiche economiche e fiscali capaci di stimolare crescita e redistribuzione del reddito ma non dimeno, dall’impegno di sostenere le capacità d’intrapresa dei giovani, valorizzando al meglio l’enorme capitale creativo di cui dispongono. Ne è convinto il Presidente provinciale delle Acli salernitane – Gianluca Mastrovito – che a partire dalle nuove misure per gli investimenti nel Mezzogiorno varate dal Governo, ha scelto di attivare presso il Punto famiglia delle Acli, un nuovo servizio di consulenza gratuita – il Cantiere delle Idee – a sostegno dello spirito e delle capacità imprenditoriali dei giovani.

Oggi le start up – continua Mastrovito – ricoprono un ruolo di primaria importanza nel mercato del lavoro giovanile e dell’economia, soprattutto nel contesto di crisi che viviamo.

Qui al Sud, abbiamo bisogno di innescare un’inversione di tendenza in fatto di crescita economica e di occupazione; c’è bisogno di competenze nuove, d’idee sostenibili, interlocuzioni più veloci e dinamiche ed un pizzico di fiducia, per scommettere sulle energie migliori. La stessa fiducia, che riponiamo nella nuova riforma del terzo settore, che attraverso l’Impresa Sociale consentirà di dare risposta a bisogni di formazione permanente e rilancio del capitale umano.

A partire, dall’accordo siglato nei mesi scorsi con il Comitato tecnico nazionale per l’Autoimpiego e alla costruttiva sinergia con il gruppo €urofinance, ci avvarremo del contributo di esperti, per analizzare e agire un settore in forte espansione, quello della finanza agevolata, in modo da incoraggiare giovani e meno giovani, pieni di talento, energia e creatività, a portare avanti idee e progetti imprenditoriali.

Il nuovo Servizio, va nella direzione di fornire informazioni, verificare sostenibilità delle idee e costruire percorsi di accompagnamento e monitoraggio, di tanti giovani che troppo spesso, mortificati dalle inadeguate e peggio inesistenti opportunità, scelgono di lasciare il territorio, rinunciando alle legittime aspettative; tra queste il diritto ad abitare la propria terra”.

Al Cantiere delle Idee, che non è solo servizio ma si configura come spazio d’incontro e co-costruzone di processi, si potrà accedere gratuitamente e con l’aiuto di un tutor, ad una piattaforma di autovalutazione (PAW) per verificare la pre-fattibilità della Business Idea, aiutando così la propria idea d’intrapresa a crescere e migliorarsi nella sostenibilità.

 

Cantiere delle Idee, che avrà sede presso il Punto Famiglia Acli di Salerno in via Rocco Cocchia,173 (089/330333 – aclipuntofamigliasa@libero.it) opererà previo appuntamento, fornendo gratuitamente i servizi di:

–        info e consulenza relative a bandi/agevolazioni regionali, nazionali e comunitari;

–        accesso Piattaforma Autovalutazione requisiti di accesso ai bandi – PAW;

–        aspetti previdenziali e assistenziali: evidenza adempimenti ed obblighi;

–        aspetti fiscali e contabili: regimi agevolati, contabilità semplificata, ordinaria…

LASCIA UN COMMENTO