“SALERNO HA UNA FORTE VOCAZIONE TURISTICA, MA NON E’ ANCORA UNA CITTA’ TURISTICA”. GIUSEPPE GAGLIANO, PRESIDENTE DI FEDERALBERGHI SALERNO, AL ROTARY CLUB SALERNO PICENTIA

0
686
Babazar.it le grandi marche abbigliamento donna con il 60% di sconto

“ Salerno ha una forte vocazione turistica, ma ancora non è una città turistica. Manca la cultura turistica: da parte dei cittadini, delle istituzioni, dei gestori delle strutture ricettive e di chi esercita attività necessariamente connesse al turismo. Il turismo siamo tutti noi. In una destinazione turistica vera, tutte le attività sono connesse al turismo e l’impatto dei visitatori, che portano ricchezza sul territorio, arriva a pioggia su tutto il sistema economico della destinazione stessa. E’ fondamentale fare formazione: ai cittadini, ai vigili, che dovrebbero conoscere le lingue, ai commercianti, che dovrebbero tenere i negozi aperti quando arrivano le navi da crociera, per approcciarsi al turista che oggi è molto esigente. Bisogna capire come trattare i turisti, come trattarli meglio degli altri e come trattarli bene nel lungo periodo. E’ inoltre importante potenziare le infrastrutture. Il motto di “Federalberghi”, che deve essere di tutti, è “Ospitalità e Bellezza”. A parlare di turismo e di come fare in modo che la nostra città diventi veramente una città turistica è stato il dottor Giuseppe Gagliano, Presidente di Federalberghi della Provincia di Salerno, già Vicepresidente Vicario del Gruppo Giovani Imprenditori di Salerno, che gestisce, insieme alla sua famiglia, il “Grand Hotel Tritone” di Praiano, fondato nel 1957 dal professor Giuseppe Gagliano “ Con i miei cugini rappresentiamo la terza generazione che gestisce l’Hotel: insieme a mio padre Genny, a mio zio Salvatore e a mia nonna”. Il dottor Gagliano che è stato protagonista della conviviale rotariana, a lui dedicata, organizzata all’Hotel Mediterranea dal presidente del Club Rotary Salerno Picentia, il dottor Roberto Napoli, ha spiegato che Salerno negli ultimi anni ha cambiato marcia e sta facendo di tutto per diventare una città turistica:” Lo dimostrano i dati degli annunci su AirBnB, il sito sul quale si affittano direttamente dai proprietari alloggi per le vacanze, riferiti alla Provincia di Salerno: nel 2009 avevamo 26 annunci mentre nell’agosto del 2018 siamo arrivati a 8423 annunci di cui circa 600 nella nostra città, senza contare quelli non dichiarati. Questo dimostra che qualcosa è cambiato, la crescita c’è stata”. Secondo il dottor Gagliano per far diventare Salerno una città turistica ci si deve muovere in due direzioni:” Noi professionisti dell’accoglienza dobbiamo essere necessariamente presenti ai tavoli dove si elaborano le strategie di sviluppo della città. Per quanto riguarda i cittadini è necessario che prendano coscienza del fatto che i turisti non sono invasori ma persone che portano ricchezza al territorio. Per questo devono essere aiutati dalle istituzioni: bisogna fare rete. Noi come Federalberghi, che conta oltre 220 soci, siamo impegnati da anni nelle scuole con incontri con gli studenti per far comprendere l’importanza del turismo e diffondere la cultura dell’ospitalità, dell’accoglienza”. Gagliano ha anche spiegato che è importante non limitare l’offerta turistica soltanto al periodo delle “Luci d’Artista”:” Bisogna avere un programma di eventi che possa servire l’offerta per 365 giorni l’anno. Lo sviluppo del turismo in tutta la Provincia di Salerno è un sogno che, un pezzetto dopo l’altro, comincia a diventare realtà. La nostra provincia è bellissima e non ha uguali nel mondo. La bellezza da sempre è la forza del nostro territorio, incastonato tra due siti “Patrimonio dell’umanità” della lista dell’Unesco. Il nostro mare, il nostro cibo, i nostri monumenti sono attrazioni uniche, leggendarie oserei dire, ma in un mondo sempre più ricco di offerte e di alternative rischiano di non bastare più. Per questo, alla naturale capacità di conquistare nuovi e vecchi turisti dobbiamo affiancare il saper ospitare, coltivare l’arte dell’accoglienza, sviluppare competenze manageriali, adottare un approccio strategico. Che l’ospitalità e la bellezza possano condurre la Provincia di Salerno sulla strada per il successo!”.                                                                                                               Aniello Palumbo

 

 

LASCIA UN COMMENTO