LO SPREAD SPIEGATO DAL PROFESSOR MARCO SANTILLO AL ROTARY CLUB SALERNO PICENTIA

0
782

“ Dal 2008, con il fallimento della Lehman Brothers e la crisi dei mutui sub-prime, il termine SPREAD è passato a indicare, nel caso italiano, un differenziale tra il rendimento dei Titoli di Stato decennali (i BTP) e tedeschi (BUND). Se un titolo italiano rende il 3% e l’analogo tedesco rende l’1%, lo SPREAD è pari al 2%”.  A spiegare in modo semplice cos’è lo Spread, è stato il professor Marco Santillo, docente di Storia Economica all’Università di Salerno, durante l’incontro organizzato dal “Rotary Club Salerno Picentia” presieduto dalla dottoressa Carla Sabatella.  Il professor Santillo ha spiegato le fasi di crescita degli spread:” Vi è stata una prima crescita nel periodo della crisi immediatamente successivo al crollo di Lehman Brothers.  Dopo un periodo di apparente stabilizzazione, una seconda fase di escalation degli “spread”  da fine 2009 ad agosto 2011, inaugurando la cosiddetta ”Crisi dei Debiti Sovrani”: un aumento del tasso d’interesse dei titoli di Stato a medio-lungo termine per tutti i Paesi dell’area Euro, fatta eccezione per la Germania, con conseguente aumento generalizzato dello spread rispetto al BUND tedesco”.  Il professor Santillo ha anche spiegato  che per contenere il debito pubblico nazionale di ciascun Paese  furono emanate delle norme comuni di natura economica :” Oltre al Patto di Stabilità  c’è  il  Patto di Bilancio: una norma che impone austerity e blocca la crescita e lo sviluppo. L’Unione Europea e la Banca Centrale Europea cercarono di agire con diversi sistemi di aiuti economici ai Paesi in difficoltà. La BCE con la crisi dei debiti sovrani attuò una politica di acquisto dei titoli di stato dei Paesi in difficoltà”.  Il professor Santillo ha anche chiarito  il motivo per cui i titoli italiani hanno un rendimento più alto dei titoli tedeschi:”  I titoli tedeschi sono considerati privi di rischio perché si  è sostanzialmente  certi che  lo Stato tedesco farà fronte alle proprie obbligazioni. Per i titoli di altri Paesi come l’Italia non vi è questa certezza; pertanto chi acquista pretende un premio per il rischio: in questo consiste lo Spread. Le conseguenze di una crisi di fiducia in un Paese si manifestano in un alto livello dello Spread e ricadono in modo estremamente pesante sui cittadini Bisognerebbe avere un maggiore livello di coesione sociale nel nostro Paese, una maggiore possibilità di effettuare investimenti e promuovere attività innovative, anche con l’intervento delle banche”. Durante la serata sono stati presentati dalla presidente e dal socio Ferdinando Spirito, due nuovi soci del Club:  il dottor Raffaele Brescia Morra e l’ingegner Carlo Sanfelice.

Aniello Palumbo

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here