“CORPORA”. IL CALENDARIO 2020 DI PIETRO LISTA ALLA SALEDIL DI CARMINE NOBILE

0
853

Dodici opere disegnate a matita: corpi di donne e di uomini senza testa, senza mani eppure di straordinaria e stravolgente bellezza sono state raccolte nel nuovo calendario del famoso artista salernitano Pietro Lista “Corpora” che è stato presentato negli ampi spazi espositivi della “Saledil” dell’imprenditore salernitano Carmine Nobile:” Un appuntamento che è ormai diventato per noi  una tradizione. Pietro Lista è un grande  e importante artista , ma soprattutto è  un nostro caro amico che  ogni anno ci stupisce con i suoi disegni che noi raccogliamo in un calendario che doniamo con piacere  alla città”. I tanti ospiti che hanno partecipato all’evento hanno ricevuto il calendario che è stato reso unico dal Maestro Lista che a ognuno ha dedicato un suo segno, una sua dedica personalizzata. Per l’occasione sono state esposte le dodici opere raccolte nel calendario. “Per me il numero dodici ha un significato particolare: dodici sono i mesi, dodici sono gli Apostoli. Mia madre mi ha chiamato Pietro perché sognò San Pietro, il Principe degli Apostoli. Quando vado a comprare il materiale  per dipingere,  compro sempre dodici tele, dodici pennelli,  dodici colori  neri,  dodici rossi: è una mia fissa”. Il testo critico del calendario è stato affidato ad Annick Liot che ha spiegato che l’opera di Pietro Lista si situa al di là di tutte le avanguardie:” L’immagine di Lista  non scivola mai verso rappresentazioni descrittive: è il segno soltanto che contiene in sé tutta la carica erotica e fantasmica. Le figure stilizzate, le forme aleatorie, quasi fluide, sono altrettanti simboli sessuali  che codificano il linguaggio pittorico di Pietro Lista”.

L’artista salernitano, nato nel 1941  a Castiglione del Lago (Perugia),  ama molto il corpo umano:” Sono legatissimo all’erotismo della carcassa umana: la mia iconografia è il corpo umano, anche deformato”. Deformazione del corpo  che Lista ha appreso da  Picasso:”  Ho una biblioteca bellissima con tanti testi su che ogni tanto vado a rivedere. Lui ha avuto la capacità di conservare la bellezza del corpo umano pur sfasciandolo: amo diversi artisti, ma  il disegno di Picasso  mi interessa particolarmente”.  Per Pietro Lista la figura è un pretesto:” Mi serve per raccontare il mio segno: di grande poesia, sciolto; come una specie di fluido che esce dal mio cervello, scende nella mia mano e disegna il racconto del corpo umano che è di una bellezza travolgente.  Il mio non è il disegno dell’Accademia, anche se vengo dal figurativo: il mio corpo umano è acefalo, deformato. A me interessa la deformazione del corpo umano. La mia pittura è visionaria”.    Lista, che lavora anche la creta, la ceramica, sta lavorando alla pubblicazione del suo nuovo libro” Peneide”. E’ eternamente innamorato della vita:” Sono un ragazzo di quasi ottant’anni: sono una persona libera, spontanea, autentica, generosa,  piena d’amore per il mondo.  Ancora oggi quando sento l’Inno d’Italia mi viene un nodo alla gola e piango.  Prima di morire ho un sogno che vorrei realizzare: creare una Fondazione, nel Comune di Fisciano che, grazie al Sindaco Vincenzo Sessa,  mi ha dato in comodato d’uso  un palazzo che però  ha bisogno di essere restaurato”.

Aniello Palumbo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here