Gazzetta di Salerno

Notizie

Fondi Microcredito FSE Regione Campania: come accedervi.

Fondi Microcredito FSE Regione Campania: come accedervi.
novembre 28
11:53 2013

invito-microcreditoLa Regione Campania ha pubblicato sul BURC n.63 del 18 novembre 2013 i bandi di attuazione delle misure “Microcredito” e “Credito di imposta”. In particolare, con il programma “Fondo Microcredito FSE” la Regione stanzia 70 milioni di €uro per per favorire l’accesso al credito da parte delle microimprese, agevolare l’autoimprenditorialità e l’autoimpiego da parte di soggetti svantaggiati, sostenere lo spin off delle imprese.

“Gazzetta” ha chiesto ad un esperto, il Dottor Luca Della Corte, Commercialista, Revisore Legale e Consulente di finanza agevolata, di illustrare sinteticamente le modalità di accesso a questo importante programma di sviluppo da parte della Regione. Modalità che troviamo spiegate nella tabella sottostante.

Soggetti Beneficiari

Persone fisiche , imprese, associazioni e cooperative sociali

Requisiti richiesti

Saranno prese in considerazione le istanze presentate da imprese costituende o costituite composte da almeno un soggetto in possesso sei seguenti requisiti: disoccupati, inoccupati, lavoratori CIG, CIGS e mobilità, giovani “under35”, donne, immigrati, disabili, studenti universitari, lavoratori svantaggiati  (per lavoratori svantaggiati si intende:

a) chi non ha un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi;

b) chi non possiede un diploma di scuola media superiore o professionale;

c) lavoratori che hanno superato i 50 anni di età;

d) adulti che vivono soli con una o più persone a carico).

Attività finanziabili

Le iniziative economiche finanziabili riguardano la produzione di beni e la fornitura di servizi. In coerenza con quanto previsto dalla strategia d’investimento e dal Piano Operativo sono da considerarsi prioritarie le proposte rientranti nelle seguenti categorie di attività:

-          servizi al turismo (servizi, ristorazione, alloggio);

-          tutela dell’ambiente;

-          servizi sociali alle persone;

-          servizi culturali;

-          ICT (servizi multimediali, informazione e comunicazione);

-          risparmio energetico ed energie rinnovabili;

-          manifatturiero;

-          artigianato e valorizzazione di prodotti tipici locali;

-          attività professionali in genere;

-          commercio di prossimità.

In ottemperanza ai Regolamenti comunitari vigenti, sono escluse le imprese operanti nei seguenti settori:

-          Pesca e acquacoltura – Regolamento CE n. 104/2000

-          Industria carbonifera – Regolamento CE n. 1407/2002

-          Produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, così come definiti dal Regolamento CE n. 1998/2006 e s.m.i.

-          Attività riguardanti le lotterie, le scommesse i giochi (ATECO 2007 – Sezione R divisione92)

-          Attività di organizzazioni associative previste dall’ATECO 2007 Sezione S divisione 94

-          Attività di costruzioni previste dall’ATECO 2007 Sezione F, con la sola eccezione della divisione 43.2 e 43.3

-          Attività immobiliari previste dall’ATECO 2007 Sezione L divisione 68

-          Attività degli intermediari al commercio (ATECO 2007 – Sezione G divisione 46.1)

-          Le imprese già costituite che abbiano ricevuto, nel triennio precedente, altro contributo comunitario, nazionale o regionale in regime de minimis, che, cumulato a quello richiesto,superi la soglia massima prevista da tale regime pari a Euro 200.000,00.

Misura dell’investimento

Le proposte devono prevedere finanziamenti con importi da un minimo di 5.000 Euro ad un massimo di 25.000 Euro in relazione alle spese ammissibili

Agevolazioni previste

Concessione di finanziamenti nella forma di mutui chirografari senza garanzia patrimoniale e/o finanziaria. Per le società di capitali  potranno essere richieste, prima della sottoscrizione del contratto, garanzie personali patrimoniali, reali o finanziarie nelle ipotesi in cui la quota di patrimonio netto libera da vincoli sia inferiore o al massimo uguale alla richiesta di finanziamento.

La durata massima del finanziamento è di 60 (sessanta) mesi. Il tasso d’interesse è pari a ZERO.

 

Spese ammissibili

Sono considerate ammissibili al finanziamento:

-          le spese, strettamente inerenti il ciclo economico, per l’acquisto di macchinari, impianti, attrezzature, nuovi o usati; le opere murarie necessarie all’adeguamento e messa a norma dei locali adibiti all’attività; i beni immateriali ad utilità pluriennale, inclusi i diritti di brevetto, le licenze, i piani di sviluppo di impresa, i piani di marketing, i piani finalizzati all’internazionalizzazione se connessi ad un piani di ampliamento della base produttiva;

-          le spese per l’ acquisto di materie prime, semilavorati, materiali di consumo e di scorte; le spese per utenze e canoni di locazione degli immobili strumentali all’esercizio dell’attività; le spese per l’aggiornamento dei software; le spese per servizi di consulenza professionale (legale, tecnica, commerciale); le spese per il personale qualora sulla risorsa non siano già stati concessi sgravi contributivi o incentivi all’assunzione in base a leggi nazionali, regionali o progetti a finanziamento statale e/o regionale (quale ad esempio: Campania al lavoro!).

Per le imprese esistenti, le spese di cui sopra sono ammissibili se collegate ad un programma di ampliamento/espansione dell’attività imprenditoriale.

Sono escluse dal finanziamento le spese relative a mezzi di trasporto su strada da parte di imprese che effettuino il trasporto di merci su strada per conto terzi.

L’acquisto di autovetture/automezzi è ammissibile limitatamente ai mezzi strettamente funzionali all’attività d’impresa.

Dal finanziamento è esclusa l’IVA.

Modalità di erogazione delle agevolazioni

L’erogazione avverrà tramite bonifico bancario in un’unica soluzione dopo la sottoscrizione del contratto di finanziamento e previa presentazione di richiesta con allegati: certificato di vigenza e di iscrizione alla CCIAA (ove prevista), copia titolo attestante la disponibilità della sede oggetto del programma d’investimenti proposto, attestazione bancaria relativa all’apertura di un c/c intestato esclusivamente al soggetto Proponente.

Il termine ultimo per la presentazione delle domande è il prossimo 19 dicembre alle ore 12:00. Le domande dovranno essere presentate online a questo indirizzo e successivamente integrate con la documentazione cartacea da spedire entro 5 giorni dalla data della presentazione della domanda online a mezzo Raccomandata AR o Posta Celere all’indirizzo Fondo MICROCREDITO FSE – c/o Sviluppo Campania S.p.A. Area ASI Marcianise Sud 81025 – Marcianise (CE). Un singolo soggetto può presentare una sola domanda. Non ci sono graduatorie di merito.

Per informazioni o chiarimenti è possibile contattare il Dr. Della Corte telefonando allo 0828/363010.

Informazioni sul Redattore

avatar

Pietro Pizzolla

Nato a Napoli (dove tuttora vive) nel 1973, è giornalista pubblicista e responsabile per l'area contenuti de "La Comunicazione". Laureato in Scienze della Comunicazione con tesi in marketing, alterna l'attività giornalistica con quella di consulenza. Ha collaborato anche con "Il Nuovo Salernitano", "ROMA - Cronaca Salerno" e "Metropolis".

Articoli Correlati



Social

Promo Festa del Pane 2014

Pubblicità

Commenti più recenti

Complimenti lodevole iniziativa [...]

Tale farmaco e' utile anche quando si debba fare un intervento e quindi sostituire il [...]

risposta importante alle preoccupazioni che erano state espresse circa la bonta' …Via libera dalla Commissione [...]